FAERGROUND ACCIDENTS
Co-Morbid

[ Louder Than War - 2017 ]
7.5
 
Genere: Indie-pop, rock
 
6 Ottobre 2017
 
Sono glam? Sono punk? Forse power pop? O sono gli ultimi eredi del brit pop? In realtà la proposta dei Faerground Accidents, in questo primo album intitolato “Co-morbid”, è molto più di questo. Riuscite ad immaginare una band che sia un giusto mix tra le cose migliori di Suede e Pulp con il David Bowie degli anni ’70 alla voce? Se si, “Co-morbid” potrebbe essere il vostro disco dell’anno.
Ma torniamo alla proposta. Ascoltando i brani e guardando gli estratti live reperibili online, ho avuto l’impressione che i FA vogliano scollinare i confini di semplice ‘band’ e dare alle loro performance più spessore. C’è teatro, ironia e un’ineludibile aria di festa. La parola giusta forse è celebrazione, quasi una liturgia per coloro che rifuggono il conformismo globale imperante, anche in fatto di ascolti musicali.
Le 11 undici canzoni che compongono l’album vanno a formare un unico percorso per un viaggio che ci porta in un mondo di personaggi e situazioni ai margini, o meglio portati all’estremo (esterno?) dalla società in cui viviamo. Da apprezzare l’alternanza con cui la band tratta questi temi: aggressivi come in “We hate the same things”, “Into the wild” e “Sleep in the woods”, ironici in “She makes me want to die” e “The moralist”, ed in fine dolci come un flacone di valium in “Please stay” o “Ether girl”.
I testi di Bomar Faery sono poetici e taglienti, e la commistione tra sue melodie e le chitarre di Murray Fenton è sempre azzeccata. I tappetti elettronici delle tastiere di Henrietta Rowlatt danno corpo e acidità. La sezione ritmica con Simon Milner al basso e Adam Pearson alla batteria può essere una sberla in faccia o una delicata cadenza, ma sempre precisa e mai invadente.
Nella speranza che qualche illuminato li riesca a portare dal vivo in Italia, godiamoci questo folgorante esordio.
Tracklist
1. The Same Things
2. Woeful Small Town
3. My Former Baby
4. She Makes Me Want To Die
5. Please Stay
6. Gaslighter
7. Into The Wild
8. Sleep In The Woods
9. Claustrophobic
10. The Moralist
11. Ether Girl
 
 

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...