FAERGROUND ACCIDENTS
Co-Morbid

[ Louder Than War - 2017 ]
7.5
 
Genere: Indie-pop, rock
 
6 Ottobre 2017
 
Sono glam? Sono punk? Forse power pop? O sono gli ultimi eredi del brit pop? In realtà la proposta dei Faerground Accidents, in questo primo album intitolato “Co-morbid”, è molto più di questo. Riuscite ad immaginare una band che sia un giusto mix tra le cose migliori di Suede e Pulp con il David Bowie degli anni ’70 alla voce? Se si, “Co-morbid” potrebbe essere il vostro disco dell’anno.
Ma torniamo alla proposta. Ascoltando i brani e guardando gli estratti live reperibili online, ho avuto l’impressione che i FA vogliano scollinare i confini di semplice ‘band’ e dare alle loro performance più spessore. C’è teatro, ironia e un’ineludibile aria di festa. La parola giusta forse è celebrazione, quasi una liturgia per coloro che rifuggono il conformismo globale imperante, anche in fatto di ascolti musicali.
Le 11 undici canzoni che compongono l’album vanno a formare un unico percorso per un viaggio che ci porta in un mondo di personaggi e situazioni ai margini, o meglio portati all’estremo (esterno?) dalla società in cui viviamo. Da apprezzare l’alternanza con cui la band tratta questi temi: aggressivi come in “We hate the same things”, “Into the wild” e “Sleep in the woods”, ironici in “She makes me want to die” e “The moralist”, ed in fine dolci come un flacone di valium in “Please stay” o “Ether girl”.
I testi di Bomar Faery sono poetici e taglienti, e la commistione tra sue melodie e le chitarre di Murray Fenton è sempre azzeccata. I tappetti elettronici delle tastiere di Henrietta Rowlatt danno corpo e acidità. La sezione ritmica con Simon Milner al basso e Adam Pearson alla batteria può essere una sberla in faccia o una delicata cadenza, ma sempre precisa e mai invadente.
Nella speranza che qualche illuminato li riesca a portare dal vivo in Italia, godiamoci questo folgorante esordio.
Tracklist
1. The Same Things
2. Woeful Small Town
3. My Former Baby
4. She Makes Me Want To Die
5. Please Stay
6. Gaslighter
7. Into The Wild
8. Sleep In The Woods
9. Claustrophobic
10. The Moralist
11. Ether Girl
 
 

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...