LIAM GALLAGHER
As You Were

[ Warner Bros. - 2017 ]
8
 
Genere: rock
 
11 Ottobre 2017
 

Liam Gallagher non ci mette solo il nome e la faccia, ma ci mette tutto quello che è stato, che è e che sarà: dopo la fine degli Oasis – a cui dice di pensare ogni giorno – e i due album con i Beady Eye, esce da solista con “As You Were”, un disco completo, bello e destinato a diventare un debutto da solista col botto.

In realtà c’è poco di nuovo, come sottolineano gli sciocchi detrattori e come ha serenamente ammesso lo stesso LG: perché sentirsi obbligati a cambiare se significa snaturarsi?
Quindi ecco perché aprire il disco e la promozione con la prepotente Wall of Glass: primo singolo, prima bomba lanciata.

L’aggressività e la coerenza si sentono forti e chiare: “Greedy Soul” è tagliente, “You Better Run” irresistibile e “I Get By” trascina pure l’ascoltatore meno convinto. Ma questo è un disco che va dritto al punto anche con sonorità leggere. Ad esempio “Paper Crown” suona come un malinconico monito ad una parente di Sally ormai abbastanza cresciuta, con un intreccio di voci tutt’altro che banale, e “I Never Wanna Be Like You” come l’ennesima dichiarazione di intenti.

Il lirismo tipico di LG si esalta in brani come “When I’m in Need”, “Chinatown”, “All My People/All Mankind” e “Bold”, una ballata schietta e vagamente ipnotica che è tra i migliori brani del disco.

Liam Gallagher è riuscito a creare anche un nuovo inno con “For What It’s Wort”h, in cui introduce le scuse nel suo vocabolario pubblico e si emancipa definitivamente come cantautore: ora è cresciuto ed è libero dalla difficile convivenza artistica con il fratello Noel. Non rinuncia alle sue sparate e ai suoi slogan provocatori, ma lascia ancora una volta che siano i fatti a parlare per lui, e “As You Were” si distingue dalla scena contemporanea non solo per la voce inconfondibile ma anche per l’impianto chitarristico su cui si basa, contro la tendenza elettronica del momento.

Ne sono la prova la bellissima “I’ve All I Need” ma anche “Come Back to Me” e “Univesal Gleam”, esempi di scelte coerenti. La produzione è eccellente e sfrutta il timbro di Liam Gallagher al meglio anche per un brano, se vogliamo, psichedelico come “Doesn’t Have To Be That Way” che per quattro minuti mette a sedere i Tame Impala.

Con “As You Were”, Liam Gallagher ritorna al centro di una scena che gli appartiene e che per troppo tempo è stata occupata abusivamente da altri: il tutto con un sound maturo e un’attitudine che spazza via la concorrenza.

Tracklist
1. Wall Of Glass
2. Bold
3. Greedy Soul
4. Paper Crown
5. For What It's Worth
6. When I'm In Need
7. You Better Run
8. I Get By
9. Chinatown
10. Come Back To Me
11. Universal Gleam
12. I've All I Need
13. Doesn't Have To Be That Way
14. All My People / All Mankind
15. I Never Wanna Be Like You
 
 

Colombre – Corallo

Quando voglio bene ad un disco, ad un artista, aspetto e temporeggio sempre prima di parlarne in un modo che possa sembrare sensato, in ...

Sorry – 925

Eccolo, il primo album dei Sorry. E curiosità ed attesa sono state ripagate. Il duo inglese con questo esordio “925” piazza ...

Matinee – Event Horizon

Grossi nomi in ballo per il nuovo album dei Matinée, band abruzzese da tempo emigrata a Londra. Chris Geddes dei Belle & Sebastian ha ...

Daniel Avery + Alessandro Cortini ...

Strane coincidenze: Daniel Avery e Alessandro Cortini pubblicano “Illusion Of Time”, album collaborativo in cantiere da anni, poche ore ...

Rustin Man – Clockdust

Paul Webb era il Talk Talk sfuggente, bassista contento anche solo di dare una mano (parole sue) al geniale Mark Hollis e a Tim ...