PROTOMARTYR
Relatives In Descent

[ Domino - 2017 ]
7.5
 
Genere: post-punk
 
16 Ottobre 2017
 

Da pochi giorni è uscito questo quarto LP della band post-punk di Detroit, che arriva a due anni esatti dal precedente, “The Agent Intellect”: co-prodotto insieme a Sonny DiPerri (Animal Collective, Dirty Projectors), “Relatives In Descent” è il primo album realizzato per la Domino Recording Company.
Come sempre il sound dei Protomartyr è guidato da un senso di urgenza attraverso una certa oscurità, ma, al contrario che in passato, questo nuovo lavoro non è un album strettamente politico, ma preferisce, invece, studiare una serie di meditazioni psicologiche sulla fallibile natura della verità e sugli ideali autodistruttivi che ci hanno portato a un periodo di ignoranza testarda e di “fake” news.
La voce del frontman Joe Casey, ben più anziano degli altri tre componenti della band, è ancora più potente di quello che possa sembrare a chi ascolta, perché i suoi messaggi arrivano diretti e intensi, spesso supportati dal drumming, qui particolarmente esaltante, del batterista Alex Leonard.
“A Private Understanding” apre il disco cercando di costruire una sensazione piena di tensione, cambiando più volte il volto, nel corso dei suoi cinque minuti; “Male Plague”, invece, è un punk cattivo, duro e pesante, mentre l’adrenalinica “Don’t Go To Anacita” condanna lo sfruttamento dei privilegi.
Solo “Up The Tower” è un vero e proprio riferimento all’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump, e il feroce e insistente ritornello, che ripete più volte “Throw him out! Throw him out! Throw him out!”, non ha certo bisogno di ulteriori spiegazioni.
“Relatives In Descent” non è un album facile, di quelli che entrano nella mente al primo ascolto, ma ha invece bisogno di essere studiato ed esplorato per capire come, anche nel buio e nel caos, sia possibile trovare qualche momento di quiete.

Tracklist
1. A Private Understanding
2. Here Is The Thing
3. My Children
4. Caitriona
5. The Chuckler
6. Windsor Hum
7. Don’t Go To Anacita
8. Up The Tower
9. Night-Blooming Cereus
10. Male Plague
11. Corpses In Regalia
12. Half Sister
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...