PROTOMARTYR
Relatives In Descent

[ Domino - 2017 ]
7.5
 
Genere: post-punk
 
16 Ottobre 2017
 

Da pochi giorni è uscito questo quarto LP della band post-punk di Detroit, che arriva a due anni esatti dal precedente, “The Agent Intellect”: co-prodotto insieme a Sonny DiPerri (Animal Collective, Dirty Projectors), “Relatives In Descent” è il primo album realizzato per la Domino Recording Company.
Come sempre il sound dei Protomartyr è guidato da un senso di urgenza attraverso una certa oscurità, ma, al contrario che in passato, questo nuovo lavoro non è un album strettamente politico, ma preferisce, invece, studiare una serie di meditazioni psicologiche sulla fallibile natura della verità e sugli ideali autodistruttivi che ci hanno portato a un periodo di ignoranza testarda e di “fake” news.
La voce del frontman Joe Casey, ben più anziano degli altri tre componenti della band, è ancora più potente di quello che possa sembrare a chi ascolta, perché i suoi messaggi arrivano diretti e intensi, spesso supportati dal drumming, qui particolarmente esaltante, del batterista Alex Leonard.
“A Private Understanding” apre il disco cercando di costruire una sensazione piena di tensione, cambiando più volte il volto, nel corso dei suoi cinque minuti; “Male Plague”, invece, è un punk cattivo, duro e pesante, mentre l’adrenalinica “Don’t Go To Anacita” condanna lo sfruttamento dei privilegi.
Solo “Up The Tower” è un vero e proprio riferimento all’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump, e il feroce e insistente ritornello, che ripete più volte “Throw him out! Throw him out! Throw him out!”, non ha certo bisogno di ulteriori spiegazioni.
“Relatives In Descent” non è un album facile, di quelli che entrano nella mente al primo ascolto, ma ha invece bisogno di essere studiato ed esplorato per capire come, anche nel buio e nel caos, sia possibile trovare qualche momento di quiete.

Tracklist
1. A Private Understanding
2. Here Is The Thing
3. My Children
4. Caitriona
5. The Chuckler
6. Windsor Hum
7. Don’t Go To Anacita
8. Up The Tower
9. Night-Blooming Cereus
10. Male Plague
11. Corpses In Regalia
12. Half Sister
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...