GRIZZLY BEAR
Painted Ruins

[ RCA - 2017 ]
7.5
 
Genere: indie-pop, folk, dream-pop, psych, chamber-pop
Tags:
 
8 Novembre 2017
 

I Grizzly Bear sono uno dei più mirabili esempi contemporanei di musica sofisticata, “distante”, barocca, al contempo incorporando pose e sapori in qualche modo – apparentemente – tipici dell’indie-rock post-2000, mixando chamber-pop e folk urbano, alienazione e dolcezza, sogno e una realtà sfuggente e frastagliata. Eppure “tipico” è un termine che mal si addice al quartetto formatosi a Brooklyn e al suo piglio “progressivo”. Il talento nel songwriting, il gusto nella scelta dei suoni e nel partorire abbozzi di melodie che diventano imprendibili e sfocate infiorescenze psichedeliche, non ha niente in realtà dei cliché della indie-pop band moderna. Se i Radiohead possono essere considerati gli espressionisti dell’alt-rock, i Grizzly Bear possono esserne considerati gli alfieri impressionisti, con le loro tenui pennellate che proiettano paesaggi tra l’afflato astrattista, infinitizzante e lo spaesamento domestico, quotidiano. Una ricerca che nulla ha a che vedere con le derive disco appiattenti di paladini in declino dello spirito indie (tenuta live a parte) come gli Arcade Fire, ma che anzi prosegue testarda, eppur svagata, tra i detriti malconci del mondo d’Oggi, mantenendo un raro senso di purezza e nitore stilistici.

Quella sensazione di confusione surreale, di soavità intricata, di onirismo puro e fragilissimo, perso in fluorescenti rivoli di esotismo metropolitano, continua a informare la musica dei quattro, qui, se vogliamo, un po’ più attenti – più che piacevole constatazione – alle possibilità guidanti del ritmo e al fascino algido dei sintetizzatori e delle macchine elettroniche. “Painted Ruins” è un disco meno immediato del comunque altrettanto complesso predecessore “Shields”, senza singoloni come “Yet Again”, né tantomeno come “Two Weeks” (dal caro vecchio “Veckatimest”), anche se “Losing All Sense” riecheggia tangenzialmente proprio quel vecchio successo, con la sua vena surrealista e le ritmiche legnose, affogate in un fatalismo lezioso. “Mourning Sound”, primissimo singolo dell’album, è stato inizialmente etichettato come il pezzo “commerciale” del lotto, ma invece sfoggia lucenti vesti robotiche e un giro quattrocorde-batteria grasso, ipnotico e ficcante, elementi tutt’altro che adatti ad un brano fm-friendly. I momenti più interessanti dell’album comunque sono costituiti da tracce tanto monolitiche quanto di cristallo come “Three Rings” e “Cut-Out”, capaci di aprire con disinvoltura squarci spumeggianti di luce oscura su trame dream-pop timidamente policromatiche.

Tutte le caratteristiche dell’album vengono filtrate e sublimate nella conclusiva, elegantissima “Sky Took Hold”, probabilmente il manifesto introspettivo di sgomento adulto e ricerca interiore della band, uno sguardo malinconico al passato e un proiettarsi su un futuro incerto (cristallizzato dall’inquietante coda elettronica), attraverso climax spumosi, grumi di rullate e fiabeschi pendii della memoria.

Credit Foto: Tom Hines

Tracklist
1. Wasted Acres
2. Mourning Sound
3. Four Cypresses
4. Three Rings
5. Losing All Sense
6. Aquarian
7. Cut-Out
8. Glass Hillside
9. Neighbors
10. Systole
11. Sky Took Hold
 
 

Alice Boman – Dream On

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la ...

Brunori Sas – Cip

Il cantautore calabrese, uno dei più apprezzati del panorama musicale italiano, sembra aver già conquistato tutti, pubblico e critica, con ...

Pinegrove – Marigold

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno ...

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...