CONVERGE
The Dusk in Us

[ Epitaph - 2017 ]
8
 
Genere: metalcore
Tags: ,
 
10 novembre 2017
 

Tra la seconda metà degli anni Novanta e i primi Duemila, Boston venne messa a ferro e fuoco da un folto gruppo di band metalcore che, lontane dalla solare Los Angeles o dalla cosmopolita New York City, impressero un marchio indelebile sull’evoluzione del genere nel nuovo millennio. Un suono pesante, cupo e rabbioso emergeva dagli scantinati della città del Massachusetts; tra i suoi migliori interpreti si imposero i veterani Converge del tatuatissimo frontman Jacob Bannon che, con l’album “Jane Doe” del 2001, realizzarono uno degli ultimi veri e propri grandi classici moderni della musica estrema. Un lavoro acclamato da pubblico e critica, in grado di plasmare tutta una nuova generazione di artisti di livello internazionale come Code OrangeCancer BatsTrap Them Harm’s Way.

16 anni dopo l’uscita del loro indiscusso capolavoro, i Converge sembrano aver ormai accettato il ruolo di padri nobili della scena hardcore a stelle e strisce. Sarà per questo fatto che nell’ultimo lustro i membri della band hanno preferito dedicarsi ad altri impegni: Bannon ha avviato un ambizioso progetto solista chiamato Wear Your Wounds; il chitarrista Kurt Ballou ha prodotto gli ultimi album di Russian CirclesChelsea Wolfe Nails; il bassista Nate Newton è tornato a collaborare con il supergruppo bostoniano Old Man Gloom; e il batterista Ben Koller ha preferito esplorare i territori metal di Mutoid ManKiller Be Killed. Tutte queste esperienze hanno senza dubbio contribuito a far crescere ulteriormente la band, che con il nuovo “The Dusk in Us” dimostra ancora una volta di essere una delle realtà più interessanti e originali dell’enorme calderone post-hardcore/metalcore statunitense.

La furia è ormai domata ma è tutt’altro che sparita: “Eye of the Quarrel”, “Wildlife”, “I Can Tell You About Pain” e “Cannibals” sono fulminanti cazzotti in faccia che sembrano voler riportare i Converge alla Boston underground di una ventina d’anni fa. Ma Bannon e soci non hanno mai amato ripetere sempre la stessa formula, e anche questa volta riescono a contaminare la loro proposta con sonorità e soluzioni inedite. Che sia l’industrial di “Under Duress”, il crust di “Broken by Light”, il mathcore ipertecnico di “Arkhipov Calm”, lo sludge metal orientaleggiante di “Reptilian” o i vaghissimi richiami al post-punk di “A Single Tear”, questo nona prova in studio trova il suo punto di forza nell’estrema versatilità del songwriting e nelle intensissime performance dei quattro esperti interpreti. Le grandi sorprese sono la title track e “Thousands of Miles Between Us”, due insospettabili e suggestive ballads elettriche in cui Jacob Bannon mostra di essere a suo agio anche con melodie suadenti e atmosfere più rilassate.

I Converge non si sono dati una calmata con l’avanzare dell’età; hanno però cominciato a razionalizzare la loro rabbia e a conferirle una forma più definita, ma molto meno genuina. Le tredici tracce che compongono “The Dusk in Us”, un album crepuscolare già a partire dal titolo, rappresentano una nuova tappa nell’evoluzione sonora dei quattro quarantenni del Massachusetts; i tempi d’oro dell’impressionante “Jane Doe” saranno pure lontani, ma la voglia di dare il massimo rimane sempre la stessa.

Tracklist
1. A Single Tear
2. Eye of the Quarrel
3. Under Duress
4. Arkhipov Calm
5. I Can Tell You About Pain
6. The Dusk in Us
7. Wildlife
8. Murk & Marrow
9. Trigger
10. Broken by Light
11. Cannibals
12. Thousands of Miles Between Us
13. Reptilian
 
 

Giardini di Mirò – Different ...

Tornano a farsi sentire anche i Giardini di Mirò, “Different Times” arriva dopo ben 4 anni da “Rapsodia Satanica” ...

Ed Harcourt – Beyond The End

Ci si potrebbe interrogare a lungo sul perché un musicista di talento come Ed Harcourt non abbia ancora ottenuto il successo che merita ...

Massimo Zamboni – Sonata A ...

Berlino è una città particolare: musicalmente incastonata tra rock, pop, elettronica, industrial; culturalmente nascosta, che si fa ...

Magic Potion – Endless ...

Dobbiamo ammettere che la PNKSLM Recordings, indie-label di stanza a Stoccolma e a Londra, ci ha dato parecchie soddisfazioni nel corso ...

Art Brut – Wham! Bang! Pow! ...

Ci sono voluti sette lunghi anni per ascoltare un nuovo lavoro degli Art Brut ma finalmente tornano con “Wham! Bang! Pow! Let’s ...