SARAH WALK
Little Black Book

[ One Little Indian - 2017 ]
7.5
 
Genere: pop-rock
 
13 novembre 2017
 

Una voce e un piano. Sarah Walk parte da li e dopo aver stregato quelli della One Little Indian è pronta a fare la stessa con noi, con la forza e la potenza empatica della sua musica. Niente trucchi, niente orpelli, solo belle canzoni, forti, caparbie, intense, struggenti e che fanno venire la pelle d’oca, di quelle che non ti vuoi perdere nemmeno una nota da tanto sono coinvolgenti. Eppure la struttura è consolidata e di fanciulle che buttano fuori tutto davanti a un piano ne abbiamo sentite e ne sentiremo ancora, ma in questo caso c’è una magia, che si crea fin dal primo brano, capace di permeare ogni nota e ogni vocalizzo.

Non mancano le strutture più classiche in cui i due elementi sopra elencati si sposano alla perfezione, non mancano le ballate, di quelle in cui arrivano i violini e tutto diventa magnificamente suggestivo, non mancano i mid-tempo sempre però gestiti a dovere, per crescere e lavorare sull’impatto, ma con piacere notiamo anche la presenza dei veri brani che fanno la differenza, come la sublime Wake Me Up, che da sola trascina il disco dal sette al sette e mezzo per la capacità totale di infonderci in pieno quell’inquitudine, quel tremore e quella passione totalizzante che pervade tutto il brano.

Sembra uno di quei dischi di cui si conosce tutto ancora prima d’iniziare. Sembra. Sappiatelo.

 

Tracklist
1. Little Black Book
2. Bored To Death
3. Maybe Someday
4. Wake Me Up
5. Still Frames
6. Time
7. I Can't Slow Down
8. The Remains
9. Let Me Try
10. Prettiest Song
11. June
12. Keep On Dreaming
 
 

Ezra Furman – Transangelic ...

Stesso rossetto rosso rubino, stesso vestito che lo accompagna ormai da anni. E’ tornato Ezra Furman, musicista e personaggio che ...

Generic Animal – Generic ...

L’unione tra Jacopo Lietti, frontman dei Fine Before You Came e autore dei testi per “Generic Animal”, Marco Giudici e Adele Nigro ...

Holy Motors – Slow Sundown

Penombra, la nostra testa abbassata e dolcemente ciondolante, gli occhi chiusi e la mente che si apre e si ritrova senza confini fisici e ...

MGMT – Little Dark Age

L’amore come la fantasia, l’immaginazione non possono essere porti sicuri in cui rifugiarsi per l’eternità. Dinanzi a questi ...

Dashboard Confessional – ...

Spiace assegnare un brutto voto al buon Chris Carrabba ma davvero non riusciamo a fare altro. Non ci aspettavamo certo un ritorno agli ...