MICAH P. HINSON
Live @ Monk (Roma, 12/11/2017)

 
14 Novembre 2017
 

C’è una strana magia che vibra nell’aria domenica 12 novembre.
La sala del Monk ha spolverato i divani rossi delle grandi occasioni, quelle dove i concerti diventano celebrazioni religiose di massa.
Sul palcoscenico sta infatti per salire un predicatore, uno di quelli veri, non venduti ad alcuna chiesa. È Micah P. Hinson, che dal Texas è tornato in Italia a portarci un bel respiro di puro, sporco cantautorato folk.

Mentre siamo tutti in fervente attesa, a deliziarci ci pensa Old Fashioned Lover Boy, al secolo Alessandro Panzeri, capace di incantare il pubblico in una sola mezz’ora. Armato solo della sua preziosa voce e di una chitarra, OFLB ci guida tra i brani estratti dai due album all’attivo, da “Oh My Love” a “For Gracevo” concludendo sulle note di “Burn Burn”.

Non ha il tempo di abbandonare il palco che il dio profano fa il suo ingresso, trascinando il suo altare amplificato. Micah è lì, davanti ai nostri occhi, con la sua salopette marrone sbiadita, con quegli occhialoni neri, indenne al tempo che passa. Il suo viso glabro senza rughe è rilassato, mentre fuma dal suo iconico bocchino e beve sorsi di succo d’arancia.
È di buonumore, fischietta tra un brano e l’altro, mentre aggiusta l’accordatura con il cellulare o sistema le distorsioni.
Ci porta in dono il suo ultimo disco, “Micah P. Hinson Presents The Holy Strangers” (leggi la nostra recensione), che è un grande racconto, una “modern folk opera” declamata dalla sua voce profonda, rotta, inconfondibile e indimenticabile.

Il silenzio del pubblico è assordante: un popolo di fedelissimi in raccoglimento, che bevono le sue note e le sue parole. Tra una canzone e l’altra, si alternano gli aneddoti legati alla nascita dei brani che esegue. Ha voglia di raccontarsi, di parlare dei suoi figli che muore dalla voglia di rivedere, facendoci toccare con mano qanto la paternità gli abbia cambiato la vita. Racconta con ironia aneddoti sulle date precedenti – pur mostrando la stizza provata nel sentirsi ancora additato come drogato e ubriaco – e a cuore aperto le sue vicende personali, compresi i traumi irreversibili causati dall’incidente in Spagna.
In chiusura, dopo circa un’ora e mezza di performance, addirittura tre canzoni per bis, una vera rarità per lui. Mi avete costretto a rimandare il mio abituale bedtime, ci rimprovera con qualcosa sulla bocca che forse è un sorriso.

Vero, ma non gliene saremo mai abbastanza grati. Ci ha davvero donato sè stesso, corpo, sangue e musica.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Pinguini Tattici Nucleari – ...

di Laura Pensato Un tempo l’Arena era davvero sacra. C’era l’opera lirica e solo selezionate band pop-rock si ritagliavano ...

Patti Smith – Live @ Castello ...

Per un motivo o per l’altro non ero mai riuscito a vedere Patti Smith dal vivo, sebbene sia una sorta di Bob Dylan al femminile, ...

Arab Strap – Live @ ...

Andare a vedere un concerto nella magnifica cornice del Sexto’Nplugged è sempre un piacere, sopratutto in questi giorni di gran ...

Agnes Obel + Timber Timbre – ...

Accoppiata insolita, ma quanto mai efficace quella che vede affiancati, per una manciata di concerti, in questo fine Luglio, la songwriter ...

Patti Smith – Live @ Teatro ...

Spazio e Tempo. Entità intrinsecamente legate, in eterno, ad ogni essere umano: viviamo di stagioni che si alternano, viviamo di luoghi nei ...

Recent Comments