WESLEY FULLER
Inner City Dream

[ 1965 records limited - 2017 ]
5
 
Genere: Psych Pop, Glam Rock, Garage Rock
 
17 novembre 2017
 

L’Australia mi è sempre piaciuta, calde spiagge, fauna locale unica nel suo genere e musicisti altrettanto peculiari come Wesley Fuller, giovane songwriter dalla terra dei canguri.
Dopo il suo primo EP “Melvista”, uscito nel 2016, il nostro Wesley pubblica, nel settembre 2017, il suo esordio “Inner City Dream”. Il disco è fortemente influenzato da tastiere ‘giocattolose’, vocalizzi armoniosi e chitarre fuzzate, a tal punto che al primo ascolto sembra giusto una raccolta di b-side dei Temples, visto che alcune linee vocali e certi giri assomigliano a quelli della band di Kettering, ma in salsa glam, come ad esempio “All The Colours Of Sadness”, a volte poi il sound ricorda i primi album degli MGMT, ma questo non vuol dire per forza che sia un bene. Attenzione.

I 37 minuti di durata del disco mi hanno riportato indietro nel tempo, a cavallo della fine degli anni 2000 e dell’inizio del 2010, un periodo di transizione tra l’indie electro e la new psichedelia unito ad un pizzico di ’60 e, appunto, il glam. Il problema di fondo che circonda il lavoro però è che il tutto è ricoperto da un pesante velo di ripetitività: molte canzoni si assomigliano tra di loro, passaggi chitarristici che riprendono, a tratti, quelli di altre band e parti vocali scontante (qualche volta di beatlesiana memoria); avrei apprezzato molto di più un divario di genere tra ogni pezzo piuttosto che una scopiazzatura di altri artisti e, addirittura, di sé stesso.

In soldoni Wesley Fuller cosa è riuscito a creare? Un album molto, troppo, derivativo, sicuramente immediato nel suo essere semplice nell’ascolto, ma non per questo apprezzabile e l’unica traccia che si salva, “Biggest Fan”, è proprio quella leggermente fuori dal coro. Bocciato.

Tracklist
1. Inner City Dream
2. Someone To Walk Around With
3. Skyways
4. Better of Me
5. Morality
6. All The Colours Of Sadness
7. #1 Song
8. It Can Change My Ways
9. Biggest Fan
10. Wish You Would
11. Miranda Says
12. No More Chances
 
 

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...

Simon Love – Sincerely, S. ...

Piacevole e scorrevole secondo album per il buon Simon Love, che esordiva nel 2015 con “It Seemed Like A Good Idea At The Time” ...

The National – Boxer Live in ...

Gli album dal vivo non sono tutti uguali. Alcuni servono a cristallizzare un momento importante, altri hanno la funzione di riportare ...

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...