L’ATTIMO FUGGENTE 20 NOVEMBRE 2017 (S08E10)

 
23 novembre 2017
 

01. 5×7: Patrick Watson – Broken
02. 5×7: Hannah Cameron – Just Leave Me Here
03. 5×7: S. Carey – Fool’s Gold
04: 5×7: Jung Body – NLB
05. 5×7: Honey Harper – Secret
06. Red River Dialect – Kukkuripa
07. Viking Moses – Little Bows Live At L’Attimo Fuggente
08. Viking Moses – Moring Compromises Live At L’Attimo Fuggente
09. Viking Moses – Sandstorms Live At L’Attimo Fuggente
10. Viking Moses – Take tender Live At L’Attimo Fuggente
11. Loma – Black Willow
12. The Innocence Mission – Snow
13. PicaPica – Small Time/Secret
14. Rachel Sermanni – Lay My Heart
15. Elizabeth Gundersen – Falling For You
16. Elle Mary & The Bad Men – Angels Live At L’Attimo Fuggente
17. Elle Mary & The Bad Men – Happiness Live At L’Attimo Fuggente
18. Elle Mary & The Bad Men – Soft Power Live At L’Attimo Fuggente
19. Elle Mary & The Bad Men – Undead Live At L’Attimo Fuggente
20. Weyes Blood – Everybody’s Talkin’
21. Midget! – Sur Le Premier Matin
22. Our Goodnight Kiss: Lisa Gerrard – Sanvean (I Am Your Shadow)

5×7Cinque canzoni per una settimana:

Clockwise: Hannah Cameron, Patrick Watson, S. Carey, Jung Body, Honey Harper

La cinquina di questa settimana:

1. C’è bisogno di presentare Patrick Watson? Il musicista di Montreal è tornato con un nuovo singolo, “Broken”, è stato registrato il mese scorso e anticipa il prossimo disco di Watson e della sua band, che dovrebbe arrivare nel 2018. Il brano che è dedicato alle tempeste che si attraversano nella vita e alle loro conseguenze, arriva a tre anni da “Love Songs for Robots” e non si discosta molto da quelle atmosfere, ma suona decisamente più sentito e introspettivo.

2. Ci sono tanti modi diversi di interpretare l’essenza cantautorale; Hannah Cameron, da Melbourne, ne incarna uno estremamente intenso, elegante, sfaccettato. La varietà delle influenze tra folk e jazz che, intersecandosi, hanno dato luogo alla sua formazione artistica caratterizza la personalità delle sue canzoni, al tempo stesso semplici e intricate, intime e tecnicamente ineccepibili. In attesa del suo secondo album, “Just Leave Me Here” è una perla che fa innamorare.

3. A quasi quattro anni dal celebrato “Range Of Light”, Sean Carey sta per offrire nuovo saggio del suo arioso paesaggismo folk. “Fool’s Gold” è il primo singolo di anticipazione di “Hundred Acres”, il nuovo album del musicista di Eau Claire, annunciato per l’inizio del 2018. Adesso che Bon Iver ha intrapreso strade diverse , è quanto mai opportuno affrancare Carey dal riferimento al fatto che in passato ne sia stato il batterista, riconoscendogli piena dignità nell’orchestrazione di atmosferiche raffinatezze folk.

4. Anche al tempo del bombardamento informativo, (r)esiste qualche artista che riesce a celare nel mistero la propria identità. Ben poco si conosce di Jung e del suo alter-ego Jung Body, se non che proviene dal Colorado e che è di recente finito nell’orbita di Peter Broderick e David Allred, il quale ultimo ne ha incluso un brano nella raccolta “Oscarsongs”, da lui curata. Adesso per Jung è tempo di una pubblicazione solista, “Real Eternal Bliss”, che vedrà la luce nel mese di dicembre, all’insegna di una scrittura obliqua e della cripticità di titoli per acronimi, come appunto nel caso di ” NLB”.

5. William Fussell, cantautore originario di Atlanta, ora residente a Londra, ha esordito suonando nella band synth-pop Mood Rings e, all’inizio dell’anno, ha pubblicato una cassetta di canzoni avant-pop con il nome di Promise Keeper. La sua ultima incarnazione è Honey Harper e, sotto questa nuova veste, ha esordito il mese scorso con “Pharaoh”, una canzone d’amore country struggente che ricorda i migliori Mazzy Star. Nel secondo singolo, “Secret”, accompagnato da una pedal steel giutar, sfodera al meglio le proprie capacità vocali saltando con disinvoltura dal basso al falsetto, e cantando versi struggenti come: “It’s hard to fall in love/when you don’t know what it is”.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da otto anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Oggi “Gran Turismo” dei ...

Dov’era finito lo zucchero filato pop che addolciva i nostri palati musicali? Cos’era accaduto alla dolcezza infinita che i ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Oggi Quadrophenia di The Who compie ...

Quarantacinque  anni fa il 19 ottobre 1973 usciva “Quadrophenia”, sesto album dei The Who, opera rock che narra le ...

Oggi “You’ve Come a ...

Fine del ventesimo secolo. Dai sottoboschi techno ed underground erano già emersi gruppi come Underworld e Prodigy ad aprire la strada ...

Oggi “Vs.” dei Pearl Jam compie ...

La pecora immortalata sulla copertina di “Vs.” rappresenta alla perfezione lo stato d’animo dei Pearl Jam nell’autunno del 1993. Un ...