MAVIS STAPLES
If All I Was Was Black

[ Anti - 2017 ]
6.5
 
Genere: Soul Funky
 
4 Dicembre 2017
 

“If all I was was black”: un disco on the road, con il passo Funky, ma il sound è più attuale, non sgranato e meno chiassoso del “passato funky”, in senso buono.

La grinta nera di Mavis Staples è un controllato viaggio tra rock leggero e rock n’roll, rivisitato da voci del ghetto che ci mettono dentro l’effetto di quel contesto di strada tanto cara alla cultura afroamericana.

“Little bit”, primo brano dell’album, possiede un groove che viene dal profondo, scavato in quel ritmo così compagnone da farti sorridere con pudore, facendoti incappare in una camminata sbilenca.

Si inizia così a riscoprire quell’identità chiara e dura come il pioppo, fresca come la menta – per portare sollievo all’udito, con un’aria che viene da un’ altra era.

“Build a bridge”, settima traccia, sbircia nei saloni di bellezza, osservando le ragazze che si acconciano tra i segreti amorosi.

Una nota particolare per “Ain’t no doubt about it”: con un passo soul elegante da spostare in avanti un piede e trascinare l’altro, la controvoce melodica di Jeff Tweedy – ex Wilco e produttore dell’album. Mavis e Jeff sono alla terza collaborazione; i due artisti sono di Chicago e forse anche questo contribuisce a creare la loro chimica musicale. Un incontro sulla stessa strada, dopo un lungo peregrinare in altri greggi.

Mavis Staples sembra portarci oggi in percorsi meno rumorosi del passato, con una classe conquistata e non innata, come a dirci sono arrivato, facciamo parte ancora della strada e la descriviamo ancora oggi, non per gridare un dolore, ma perché questa musica è il nostro humus.

Libertà è riff; occhio amico, occhio, o un occhio nero avrai. Oggi baby non mi avrai, la strada ormai è larga per tutti.

Photo_Credit_Myriam_Santos

Tracklist
1. Little Bit
2. If All I Was Was Black  
3. Who Told You That  
4. Ain't No Doubt About It (featuring Jeff Tweedy)    
5. Peaceful Dream
6. No Time for Crying 
7. Build a Bridge    
8. We Go High
9. Try Harder  
10. All Over Again
 
 

Paradise Lost – Obsidian

Innanzitutto, facciamo un plauso ai Paradise Lost: con l’opportunità di posticipare l’uscita di “Obsidian” a tempi più felici, ...

Populous – W.

Sembra un quadro cubista la coloratissima copertina creata da Nicola Napoli per “W” (abbreviazione di Woman) nuovo e sesto album di ...

Woods – Strange To Explain

Undici album in quindici anni è una media invidiabile per qualunque band e specialmente per i Woods di Jeremy Earl e Jarvis Taveniere che ...

DASP – L’indipendente ...

I DASP sono una band (in realtà il progetto fa riferimento a Domenico Palopoli) che non teme l’indie italiano, pur facendone parte ...

Perturbazione – (Dis)amore

Mancavano da tempo i Perturbazione, mancavano oltremodo quei Perturbazione che a lungo seppero esprimere il meglio del pop italiano, quello ...