FLAT WORMS
Flat Worms

[ Castle Face Records - 2017 ]
7.5
 
Genere: garage-punk,post-punk
 
11 Dicembre 2017
 

Composti da tre musicisti piuttosto noti, Will Ivy (Dream Boys, Wet Illustrated) alla voce e chitarra, Tim Hellman al basso (Oh Sees, Sic Alps, Ty Segall) e Justin Sullivan alla batteria (The Babies, Kevin Morby), i Flat Worms hanno pubblicato questo loro omonimo primo album in ottobre per la Castle Face Records di John Dwyer degli Oh Sees.

L’esperto trio losangelino non perde tempo a dare spiegazioni e parte immediatamente a mille, la potenza e l’intensità strumentale prendono subito il sopravvento e difficilmente lasciano spazi per respirare (possiamo credere, pur senza averli mai visti, che i loro live-show siano estremamente esaltanti).

Salvo la conclusiva “Red Hot Sand”, i brani sono tutti di tre minuti o meno e, sin dall’iniziale “Motorbike”, si ha la sensazione di essere dentro a un vibrante videogioco dove la velocità è l’ingrediente più importante. L’energia pura che sgorga da ogni singolo momento di questi trentuno minuti è linfa vitale: l’adrenalina è sempre ai livelli massimi ma nonostante le rumorose distorsioni e le stridenti grida, spesso il senso melodico è comunque presente.

Dieci bombe sonore distruttive che spaccano le orecchie con una cattiveria decisiva: fondamentalmente questi californiani ci possono ricordare i Parquet Courts, ma con una maggiore dose di incisività, più veloci e con le chitarre fuzzy, oppure possono essere più semplicemente paragonati ai conterranei Oh Sees e Ty Segall.

Questo omonimo debutto sulla lunga distanza è potente, forte, solido e grintoso: l’esperienza dei suoi tre componenti sicuramente ha aiutato, ma i meriti senza dubbio ci sono. Se l’anno prossimo passeranno dall’Italia, vi consigliamo di non perderli.

Photo Credit: David Evanko

Tracklist
1. Motorbike
2. Goodbye Texas
3. Pearl
4. Accelerated
5. White Roses
6. 11816
7. Followers
8. Faultline
9. Question
10. Red Hot Sand
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...