TOP TEN ALBUM 2017 DI LUCA “DUSTMAN” MORELLO

 
27 Dicembre 2017
 

Menzione d’onore:

King Krule – “The Ooz”
The XX – “I See You”
Spoon – “Hot Thoughts”
Mogwai – “Every Country’s Sun”
Sonic Jesus – “Grace”
Death of Lovers – “The Acrobat”
Sohn – “Rennen”
Mew – “Visuals”
Queens of the Stone Age – “Villains”
Chelsea Wolfe – “Hiss Spun”
Godspeed You, Black Emperor! – “Luciferian Towers”
Afghan Whigs – “In Spades”

#10) FOREST SWORDS
Compassion
[Ninja Tune]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

La tribù di un solo uomo

Il totem elettronico dietro il quale si cela Matthew Barnes giunge a fulgida compiutezza, inanellando una serie di stoiche composizioni che racchiudono tutto il suo “pensiero” e la sua poetica, a cavallo tra tribalismi etnico-futuristici e un urbanesimo electro sfregiato da foschi presagi post-uomo.

#9) THE HORRORS
V
[Wolf Tone]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

Cinque, Nessuno, Centomila

Sempre diversi eppure sempre fedeli a se stessi, la combriccola capitanata da Faris Badwan, allontanandosi in parte della neo-psichedelia del disco precedente, giunge ad un altro semi-capolavoro stavolta irto di suadenti e poderosi numeri electro-rock.

#8) PROTOMARTYR
Relatives In Descent
[Domino]

L’età delle trombe d’aria

Il quartetto di Detroit alla sua prova più convincente e drammatica. Uno sguardo torvo alle coltri cannibali ed involute del domani, una carezza elegantemente trasandata che svela le rovine di un futuro passato.

#7) ARCA
Arca
[XL]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

Il corpo e la voce

Il nuovo lavoro di Alejandro Ghersi, vero nome di Arca, proietta il suo protagonista in un più “veritiero” e viscerale contesto song-oriented, trasportando le contorte intuizioni da producer avanguardista tra le dense trame di confessioni crude e sensuali.

#6) PAOLO BENVEGNU
H3+
[Woodworm]

No drinks no food still water falls

Il viaggio oltre-cosmico del cantautore ex-Scisma – qui più che mai poeta – e i suoi sodali, verso il Nulla, verso il Tutto.

#5) SLOWDIVE 
Slowdive 
[Dead Oceans]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

Cenere di stelle

L’abbagliante ritorno dopo più di un ventennio degli dei primigeni dello Shoegaze. Il sigillo del ritorno di un’era. La vittoria finale dell’Amore sul Tempo.

#4) ZOLA JESUS
Okovi
[SACRED BONES]

L’alba della Notte

La nuova veste notturna della redenta reginetta dark, tra echi dei vecchi fasti e una presa sicura sul presente.

#3) The National 
Sleep Well Beast
[4AD]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

Il lungo addio

Infallibili e puntuali, gli americani dimostrano di saper ricorrere a piccole sperimentazioni, senza che il loro songwriting ad alto tasso emozionale venga minimamente intaccato.

#2) ULVER
The Assassination of Julius Caesar
[House of Mythology]

La caduta di Roma e altre storie

Ennesima immensa prova di cuore e di testa dei Lupi Norvegesi, qui capaci di cesellare un’elegante forma musicale synth-pop adagiata su visioni storiche come metafore della Decadenza del mondo.

#1) ALGIERS
The Underside Of Power
[Matador]
LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

Il passo della pantera

Unici nel panorama musicale americano e internazionale, la band proveniente da Atlanta (escluso il britannico Matt Tong ex-Bloc Party), qui al secondo Lp, offre un mix sempre più affilato di post-punk, elettronica industriale e gospel-rock anti-capitalista, tanto parossistico e furente quanto mai, e dico mai retorico, sempre ferocemente calibrato.

 

Ad ottobre arriva una ricca ...

Definiti da molti come gli innovatori dell’heavy metal i Black Sabbath celebreranno quest’anno il 50esimo anniversario del loro ...

Un inedito dei Night Flowers del ...

Bella iniziativa quella in cui sono coinvolti i nostri amati Night Flowers che donano una loro vecchissima canzone inedita alla Ranch ...

Ascolta ‘AUATC’, nuovo singolo ...

I Bon Iver hanno rilasciato un nuovo video, “AUATC”, i cui proventi saranno devoluti alle associazioni che si dedicano a ...

Bis: La Top 10 Brani

Lo abbiamo già accennato, anzi, spiegato nell’introduzione alla TOP 10 degli Urusei Yatsura. La compilation “Martin Green Presents: ...

Hinds – Live @ Parc Del Forum ...

E’ davvero strano viaggiare in questo periodo di pandemia mondiale: i mezzi di trasporto sono piuttosto vuoti, le camere degli ostelli ...