BEE BEE SEA
Sonic Boomerang

[ Dirty Water Records USA/Glory Records – 2017 ]
7
 
 
10 Gennaio 2018
 

La provincia di Mantova sta sfornando piccoli capolavori in questi ultimi anni, esempio tra tutti i già citati submeet, che con il loro gaze-punk si stanno ritagliando un piccolo pubblico di appassionati del genere. In questa recensione esploriamo la parte più “rock” delle campagne mantovane, dove echeggiano fuzz a profusione e voci distorte, sto parlando dei Bee Bee Sea, band della scena garage italiana già ben conosciuta da molti.

Dopo il loro omonimo album uscito nel 2015 e un Ep nel 2016, tornano in carreggiata con “Sonic Boomerang”, uscito nel novembre 2017: le loro influenze sono molto chiare fin da subito è si percepiscono già dalle prime canzoni, tra i primi lavori degli Oh Sees e King Gizzard & The Lizard Wizard fino a Ty Segall e Wavves, ma, non perdendo la loro peculiarità e la loro originalità, distinguendosi un po’ nel marasma garage che in questi ultimi anni ha intasato internet.

“Sonic Boomerang” non è un album perfetto, lo poteva diventare, ma ci sono degli “incidenti di percorso”, partendo dalle tracce che sono, a tratti, fin troppo lunghe, come ad esempio “D.I. Why Why Why”, che se fosse stata un po’ più corta sarebbe diventata un singolo perfetto (e non solo il buon brano che, in effetti, già è!) o gli assoli di chitarra, che non hanno struttura ben definita e non mi soddisfano affatto come accadeva nel loro album precedente, esempio tra tutte “No Fellas”. Ma capite che stiamo parlando di particolari, perché il disco funziona!

I Bee Bee Sea stanno muovendo le acque un bel po’ stantie della scena garage italiana, e, piano piano, tra spintoni e calci stanno emergendo sempre di più anche in un contesto internazionale (cosa non certo facile):  dimostrano di saper fare buona musica, poco ma sicuro,  ma possono dare ancora di più. Il futuro è vostro ragazzi!

Tracklist
1. Sonic Boomerang
2. D.I. Why Why Why
3. I Shouted
4. This Dog is The King Of Losers
5. Chum On The Drum
6. Psycho Babe
7. No Fellas
8. I Shouted II
 
 

Asgeir – Bury The Moon

Un colpo al cerchio e uno alla botte per il buon Ásgeir, che anche questa volta trova il fedele aiuto di John Grant nel tradurre le sue ...

The Courteeners – More. ...

Sin dagli albori della loro carriera, i Courteeners hanno dimostrato di conoscere i trucchi per cavalcare l’onda, come i surfisti più ...

Tame Impala – The Slow Rush

Premessa fondamentale, quanto semplicistica: il sottoscritto rientra nella schiera di coloro che hanno adorato i primi due album a firma ...

Green Day – Father Of ...

Celebrare lo stile di vita di chi se ne fotte altamente di tutto e tutti. Il comunicato stampa che accompagna l’uscita di “Father Of ...

Christopher Paul Stelling – ...

Christopher Paul Stelling è arrivato all’album numero cinque della sua carriera con questo “Best Of Luck”, uscito a tre anni di ...