NOTHING BUT THIEVES
Broken Machine

[ RCA - 2017 ]
7
 
Genere: alt-rock
 
10 gennaio 2018
 

Arriviamo un po’ lunghi sul secondo album dei promettenti Nothing But Thieves, ma, come si dice meglio tardi che mai. Li ho definiti promettenti e forse è il caso di cambiare aggettivo, visto che da ‘promessa’ il quintetto dell’Essex ormai pare aver assunto il ruolo di realtà, almeno nel panorama britannico, sempre alla ricerca di nuovi alfieri indie-rock.

Per il momento la band non ha fatto quel salto nel vuoto compiuto ad esempio da gente come Twin Atlantic, che hanno (in buona parte) rivoluzionato il loro sound nell’ultimo disco: ci sarà tempo in effetti, visto che qui si parla comunque di un gruppo “giovane” (sono nati nel 2012), ma, oltre a mettere ben in mostra certi muscoli punk-rock che il lungo tour ha reso decisamente forti e ben oliati, i riferimenti dell’esordio restano anche ben visibili anche in “Broken Machine”.

Muse (quelli meno cafoni e megalomani) e Radiohead (fino al periodo “Ok Computer”) restano sull’altare e la devozione dei Nothing è evidente, ma adagiarsi su facili allori preconfezionati non pare essere certo l’unica via da seguire per i ragazzi, che hanno personalità, una buona capacità di scrittura e anche una buona volontà nel provare (ogni tanto) a far emergere nuove soluziuoni. Per brani che rimandano inevitabilmente ai big già citati in precedenza, ecco emergere così qualche spunto ‘alla Killers’ (“Sorry”) ma anche la bruciante sintassi cibernetica declinata in “Live Like Animals”. Allargare gli orizzonti potrebbe essere la strada giusta per il futuro, per non impantanarsi nel già sentito. Colpiscono duro (“Amsterdam”) ma nello stesso tempo sanno curare le nostre ferite con bende intrise di antidolorifico narcolettico (“Afterlife”) e il passaggio, anche repentino, di sonorità non ci spiazza, ma anzi, si dimostra ben studiato e calibrato, mentre invece Conor Mason non si preoccua certo di tenere i toni bassi quando parla di solitudine o di frustrazioni costanti.

Un disco che consolida le basi di una band pronta a fare il grande salto. Promossi anche stavolta.

Tracklist
1. I Was Just A Kid
2. Amsterdam
3. Sorry
4. Broken Machine
5. Live Like Animals
6. Soda
7. I'm Not Made By Design
8. Particles
9. Get Better
10. Hell, Yeah
11. Afterlife
12. Reset Me
13. Number 13
14. Sorry (acoustic)
15. Particles (piano version)
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...