WIN BUTLER (ARCADE FIRE): TRUMP è UN RAZZISTA E UNO XENOFOBO

 
Tags:
14 gennaio 2018
 

Il frontman dei Arcade Fire Win Butler non le manda certo a dire e ci mette la faccia, accusando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump di “razzismo e xenofobia” dopo i suoi commenti fatti su Haiti e vari paesi africani nel corso di un incontro su un accordo sull’immigrazione. In quel contesto Trump si lamentava del fatto di dover accogliere persone proveniente da “paesi di merda“, aggiungendo poi una specifica frase su Haiti: “Why do we want people from Haiti here?“.

Sulla propria pagine Twitter, Butler ha denunciato i commenti del presidente, rigettandoli come razzisti e xenofobi, dicendo: “Haiti è uno dei luoghi più speciali e incredibili che abbia mai visto su questa terra e abbiamo bisogno di più haitiani-americani“.

La moglie e compagna di band di Butler, Régine Chassagne, è nata a Montreal ma è di origine haitiana, i suoi genitori emigrarono in Canada durante la dittatura di François Duvalier. Gli Arcade Fire hanno omaggiato il Paese dei Caraibi con una canzone chiamata “Haiti” nel loro album “Funeral”.

 

Due date italiane per Laurel la ...

Una delle giovani artiste alt-pop più quotate, Laurel arriverà in Italia la prossima settimana per due date a supporto del suo debutto, ...

“Where We Are” è il ...

Curtis Harding, che abbiamo visto la scorsa estate al Covo Club di Bologna, ritorna oggi, via Anti- Records, con un nuovo singolo, ...

Duds: il secondo album è uscito ...

A distanza di poco più di un anno dal loro convincente debutto, “Of A Nature Or Degree”, i Duds ritornano oggi con un nuovo ...

Si chiama “Slept On The ...

I Camens hanno recentemente pubblicato, via The Orchard, un nuovo singolo, “Slept On The Sofa”, ascoltabile qui sotto, che li ...

Iamx a Milano a febbraio

A tre anni di distanza dal suo ultimo concerto nella nostra penisola, Iamx ritornerà in Italia nel prossimo febbraio per un’unica ...