SHAME
Songs Of Praise

[ Dead Oceans - 2018 ]
7.5
 
Genere: rock-post punk
 
15 Gennaio 2018
 

Forse la stampa avrebbe preferito venderceli come i nuovi Libertines, magari la casa discografica stessa, ma poco importa, sicuramente pare esserci maggior voglia di sporcarsi le mani (anche e sopratutto nei testi, così spietati, a tratti, nel delineare una realtà sociale, umana e politica, decisamente poco felice sotto tutti i punti di vista) rispetto a un sacco di altre band attuali made in UK e questo non è di poco conto. Ci osservano con sguardo truce, fanno i sarcastici, sghignazzano ironici e quando serve sanno incazzarsi e urlarci in faccia una rabbia e una cattivera che colpisce nel segno, questi in soldoni sono i londinesi Shame, che emergono un po’ dallo stesso sottobosco di una band come Fat White Family e che in dieci giorni hanno registrato un disco dalle coordinate post-punk solido e diretto.

Charlie Steen è sapiente intrattenitore, modula la sua voce, sa essere teatrale, declamatore, versatile intonatore di strofe e catalizzatore di quell’energia vibrante che i suoi compagni d’avventura fanno esplodere con trame chitarristiche decisamente significative, che si abbeverano a svariate fonti, dai Fall ai Fugazi passando anche per l’oscurità di Nick Cave and The Bad Seeds. Nel disco non si respira mai aria sana, c’è sempre qualcosa di oscuro, come un pericolo in agguato (l’apertura di “Dust On Trial” è più che esplicativa), o semplicemente una tremenda puzza di sudore, sigarette e vita vissuta in pieno, anche nei momenti che potrebbero risultare più accattivanti e melodici (“One Rizla”). Anthem che si fanno strada a spintoni e testate che fanno male come “Tasteless”, ipnotica e capace di entrare nel cervello neanche fossero gli Horrors o il climax deragliante di “Lampoon”, ma poi ecco che i nostri sono quasi accattivanti, tra Stone Roses, madchester e Campag Velocet in “Friction”: ci sanno anche sorprendere gli Shame e questo aspetto ci piace assai.

Dal vivo con premesse simili sarà impossibile non uscirne con qualche severa contusione, ma saranno ferite di guerra da mostrare con piacere. Disco che merita attenzione!

Photo Credit: Paul Hudson from United Kingdom / CC BY

Tracklist
1. Dust On Trial
2. Concrete
3. One Rizla
4. The Lick
5. Tasteless
6. Donk
7. Gold Hole
8. Friction
9. Lampoon
10. Angie
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments