OGGI “EXCITABLE BOY” DI WARREN ZEVON COMPIE 40 ANNI

 
18 gennaio 2018
 

Non sorprende il fatto che “Excitable Boy” sia stato pubblicato in piena epoca punk: i testi dell’album più noto e rappresentativo di Warren Zevon sono talmente violenti, cinici e intrisi di umorismo nero da far passare uno come Johnny Rotten per uno scolaretto. Una vetrina di orrori e ombre che solo un cantautore con una storia personale come la sua poteva concepire. Figlio di un allibratore e sospetto killer della mafia losangelina che per i suoi 14 anni gli regalò una notte con una prostituta, Zevon ha trascorso buona parte della sua vita in bilico tra eccessi e fulminanti quanto fugaci lampi di genio in grado di garantirgli la stima di illustrissimi colleghi come Bob Dylan, Ry Cooder, Bruce Springsteen, Tom Petty e Jackson Browne. Fu proprio quest’ultimo a rimettere in carreggiata la carriera di Zevon che, dopo il flop dell’esordio “Wanted Dead or Alive” del 1969 e una parentesi come pianista per gli Everly Brothers, a metà anni Settanta si era trasferito a Sitges, in Spagna, per lavorare in un pub di proprietà di un ex mercenario chiamato David Lindell.

Circa dieci anni dopo aver contribuito in maniera determinante a dare il via alla carriera solista di una Nico orfana di Velvet Underground e Andy Warhol, Browne fece lo stesso per il cantautore di Chicago, assicurandogli un contratto discografico con la Asylum di David Geffen e producendo per lui gli album del ritorno sulle scene: l’omonimo datato 1976 e “Excitable Boy”, il lavoro della consacrazione uscito due anni più tardi. Difficile immaginare migliori biglietti da visita per presentare al grande pubblico il già maturo Warren Zevon; un autore all’epoca costantemente in preda ai fumi dell’alcol ma con una precisa e personalissima idea di musica: un corposo rock venato di spunti folk, country e blues, legato alla migliore tradizione statunitense. A impressionare fu soprattutto l’enorme talento come paroliere: ogni suo brano racconta una storia diversa, attraverso vicende e personaggi che una decina di anni fa Bruce Springsteen definì divertenti e allo stesso tempo carichi di significati importanti. Lo sguardo di Warren Zevon sul mondo è cinico e spietato, intelligente e divertente; è il gusto per il grottesco, l’umorismo nero e i contenuti forti del genere pulp – condiviso con gli scrittori e suoi amici personali Stephen King e Hunter S. Thompson – a emergere con particolare chiarezza dai testi di “Excitable Boy”. A partire dalla celebre title track in cui Zevon, su una base pop leggera e spensierata, narra le azioni sempre più oscene e feroci di un giovane psicopatico che, anche dopo aver stuprato e ucciso la sua accompagnatrice al ballo scolastico di fine anno, viene in qualche modo giustificato e perdonato da una società indifferente e assuefatta alla violenza: si tratta solo di un ragazzo agitato e troppo emotivo. Dieci anni di manicomio criminale non sono sufficienti per recuperarlo: appena dimesso dall’istituto, il protagonista del brano torna a tormentare la povera vittima, dissotterrandone i resti e costruendo una gabbia con le sue ossa. Ma cosa importa? Continua a essere il caro vecchio “ragazzo eccitabile” del ritornello. In questa piccola galleria di nefandezze e atrocità fanno la loro comparsa anche i lupi mannari ghiotti di cibo cinese e vecchiette sventrate della hit “Werewolves of London” e il fantasma senza testa di un mercenario che si vendica dei suoi assassini presentato in “Roland The Headless Thompson Gunner”, una ballata folk zuppa di alcol e atmosfere celtiche scritta a quattro mani con David Lindell.

“Excitable Boy” non è solo il manifesto del genio creativo e delle doti narrative di Warren Zevon. Gli orrori da lui descritti sono più reali di quanto si possa immaginare, e sono gli stessi che da sempre corrodono lo spirito imperialista ed egoista dell’America, causa di innumerevoli disastri in giro per il mondo. Zevon riesce a spezzare il cuore quando canta delle violenze e degli abusi delle truppe statunitensi nel Messico del 1914 in “Veracruz”; a colpire è però soprattutto la terribile e inquietante vena profetica di “Lawyers, Guns and Money”. Il personaggio del brano è un americano ricco e viziato incapace di assumersi responsabilità per le proprie malefatte: il classico figlio di papà che crede che per tirarsi fuori dai problemi siano sufficienti “avvocati, pistole e soldi”. Il perfetto ritratto di un arrivista senza scrupoli alla Donald Trump, con tanto di versi che sembrano in qualche modo collegarsi alla più che attuale inchiesta sul Russiagate: I went home with the waitress/The way I always do/How was I to know/She was with the Russians, too?

I demoni e gli spettri che infestano i brani di “Excitable Boy” rappresentano la natura stessa della poetica di Warren Zevon: cruda, eccessiva e a tratti persino spaventosa, alleggerita però da uno sguardo spietato e ironico in grado di rendere divertente la tragedia e annullare la paura. Non poteva essere altrimenti per uno che ha vissuto al massimo i suoi 56 anni di vita e che, come cantava in una canzone contenuta nell’album omonimo del 1976, avrebbe “dormito solo da morto”. Purtroppo, a metterlo a riposo il 7 settembre 2003 ci ha pensato un mesotelioma: da allora siamo orfani di uno dei più brillanti e sottovalutati cantautori statunitensi.

Warren Zevon – “Excitable Boy”
Data di pubblicazione: 18 gennaio 1978
Tracce: 9
Lunghezza: 31:29
Etichetta: Asylum
Produttori: Jackson Browne, Waddy Wachtel

Tracklist:
1.Johnny Strikes Up the Band
2. Roland the Headless Thompson Gunner
3. Excitable Boy
4. Werewolves of London
5. Accidentally Like a Martyr
6. Nighttime in the Switching Yard
7. Veracruz
8. Tenderness on the Block
9. Lawyers, Guns and Money

 

La Battaglia Di Cannes (Parte 2)

L’apertura del settantaduesimo festival di Cannes è stata affidata con forse troppo azzardo alle sapienti mani del regista americano Jim ...

Occhi aperti sull’ ...

Direi che è il momento di parlarvi di un festival bello corposo. Dal 28 fino al 30 giugno parte la sedicesima edizione ...

Oggi “Supernatural”dei ...

Negli anni ’90 la carriera dei Santana, gruppo che nel corso dei decenni (sin dagli esordi sul finire dei ’60) si è sempre più ...

Oggi l’album di debutto di ...

Febbraio 1977: esce “Marquee Moon”. E non siamo qua a parlare del peso specifico (clamoroso, possiamo dirlo?) che l’album ...

Oggi “Unknown ...

Questa è la stanza, l’ inizio di tutto…dove finirà tutto? è il primo verso di “Day Of The Lords” seconda canzone ...