FIRST AID KIT
Ruins

[ Columbia - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie folk
 
29 Gennaio 2018
 

Una doppia voce penetrante come una lama e armonie rarefatte aprono “Ruins”, il nuovo disco del duo First Aid Kit.
Sono scandinave purosangue, e lo si avverte nelle orecchie. Sono sorelle, e lo si intuisce dalla profonda sintonia vocale e armonica. Giunte al quarto disco, Klara e Johanna Söderberg sono arrivate diversi gradini oltre gli esordi di Youtube con le cover dei Fleet Foxes. Ma il mondo di riferimento continua a essere quello, non si è scheggiato o modulato con il passare del tempo e l’avanzare del successo.
Quello delle First Aid Kit un pop sofisticato, di una pulizia candida, a tratti glaciale. E’ un suono sincronizzate alla perfezione, nelle parole, nelle note e nei sentimenti.

Ricordano Lana Del Rey ma in una versione folk, come emerge con evidenza nella chitarra di “Postcard”, il pezzo più rappresentativo e più potente del disco.
Conservano la sua eleganza, in tracce come “It’s A Shame”, anzi la raddoppiano vocalmente maniacalmente bene.
Ci sono brani più intraprendenti come “Hem of Her Dress”, altri che sfruttano la loro potenza comunicativa come “Fireworks”, altri ancora dove emerge maggiormente il tocco del producer Tucker Martin (che ha lavorato, tra gli altri, con i Decemberists),
la sua ricerca di fluidità e brillantezza sonora.

Is it because my rebel heart? Cantano le due sorelle nell’opening track. Probabilmente è così, sta tutto nel loro ribellarsi nell’animo, non sulla pubblica piazza. Nel saper uscire dai recinti tradizionali del folk americano e del pop scandinavo con stile ma senza rivoluzioni, nel riuscire a commistionarli in modo efficace. Un cantautorato di qualità, che rischia di essere algido ma non lo è mai. Le First Aid Kit insistono sulla loro strada musicale, con grazia commovente e raffinata, con brani ricchi di sfumature e sentimenti.
La Svezia, forse, non è mai stata così glacialmente ribollente di pathos.

Tracklist
1. Rebel Heart
2. It's a Shame
3. Fireworks
4. Postcard
5. To Live a Life
6. My Wild Sweet Love
7. Distant Star
8. Ruins
9. Hem on Her Dress
10. Nothing Has To Be True
 
 

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...