GHOST MUSIC
I Was Hoping You’d Pass By Here

[ Arlen -2018 ]
7.5
 
Genere: Indie pop, dream pop
Tags:
 
29 Gennaio 2018
 

I Ghost Music sono il nuovo progetto di due vecchie conoscenze: Matt Randall dei Plantman e Lee Hall, già membri di quei Beatglider che negli novanta hanno attirato l’attenzione di John Peel , che aveva gradito il loro singolo (“Not For You”) passandolo per la prima volta in radio. Ad accompagnarli in questa nuova avventura Roy Thirlwall (Melodie Group) al basso e Leighton Jennings (Dark Globes) alla batteria.

L’affiatamento tra Randall e Hall è cosa già nota, sono legati da decenni di collaborazione e amicizia, e si capisce chiaramente che i due si completano a vicenda sia vocalmente che musicalmente. Le chitarre che rumoreggiavano taglienti ai tempi dei Beatglider si sono nel frattempo ingentilite virando dal noise pop spruzzato di shoegaze degli esordi verso un indie pop sognante e gentile, solare e malinconico ma non certo privo di grinta (“Gurl In A Whirl” lo dimostra).

Il talento melodico della coppia Randall & Hall si sente già in “Home Dog”, dove le voci di Matt e Lee duettano piacevolmente, “Heart Shaped Holiday” gioca con ritmi leggeri ed evocativi in pieno stile Yo La Tengo mentre “Strange Love” è un gioiellino di puro pop che pare uscito dalle sapienti mani dell’etichetta neozelandese Flying Nun. L’influenza dei Plantman a cui Matt Randall si è dedicato ultimamente è evidente in “Blackbird Stars”, “Blindspot” invece ricorda i Galaxie 500 mixati con i The La’s di Lee Mavers: semplice ma efficace.

John Peel raramente sbagliava quando prendeva una band sotto la propria protettrice ala radiofonica. Questo nuovo progetto di Randall e Lee dimostra quanto lo storico DJ avesse ragione a fidarsi di questi due ragazzi dell’Essex e conferma che, insieme o separati, sono sempre in grado di regalare momenti di dolcezza e qualità, guardando al passato (“My Cloud” è stata scritta da Randall nel 1997) senza rimpianti né nostalgia.

Tracklist
1. Home Dog
2. Heart Shaped Holiday
3. Strange Love
4. We Could Get Along
5. This Kingdom One
6. Blindspot
7. Let’s Meet
8. Queen of England
9. Gurl In A Whirl
10. Blackbird Stars
11. Close Your Eyes
12. My Cloud
13. I’m No Fucking Messenge
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments