DREAM WIFE
Dream Wife

[ Lucky Number - 2018 ]
8
 
Genere: indie-punk-rock
 
5 Febbraio 2018
 

Ci sono dei dischi che sembrano predestinati in partenza. Le Dream Wife fanno parte di questa schiera di privilegiate e non certo per grazia ricevuta, ma perché con i singoli, l’attitudine e il loro modo di porsi e presentarsi ci avevano già convinto (abbondantemente) della loro bravura e del fatto  che il loro esordio avrebbe colto nel segno. Ogni attesa è stata rispettata.

La premiata ditta composta da Rakel Mjöll, Alice Go e Bella Podpadec non sbaglia praticamente nulla e ci tira dentro a forza in un mondo colorato e scoppiettante in cui riot grrrl, Blondie, Bowie, Bangles e pure delle Spice Girls strafatte di Red Bull venono frullate senza tregua con il risultato di avere un disco di una freschezza più unica che rara. Grintose e naturalmente contagiose le tre fanciulle sanno alzare il dito medio alla società, sanno parlare di femminismo in modo sincero, diretto, con tutte le paure e le necessità del caso che anche la controparte maschile è bene che capisca e comprenda, ma nello stesso tempo hanno quella voglia di fare casino, di divertirsi e di farci muovere con un pop-punk ricco di groove che ci rimanda a un taglio più adolescenziale. Riescono magnificamente a fare tutto molto bene.

L’alchima fra di loro è altissima e l’aria è così satura di scintille melodiche pronte ad esplodere in ritornelli travolgenti a tal punto che ogni brano è pura dinamite, mentre Rakel varia spessissimo sul tema vocale, Alice tira fuori riff chitarristici che esaltano e Bella con il suo basso è come se avesse preso anche il controllo del nostro corpo, impossibilitato a restare fermo.

Se le Dream Wife fossero streghe, beh, sappiate che con questo disco è come se ci avessero dato un biglietto d’ingresso per il loro scatenato sabba indie-pop in cui perdere i freni inibitori: come si può dire di no??!!

Tracklist
1. Lets Make Out
2. Somebody
3. Fire
4. Hey Heartbreaker
5. Love Without Reason
6. Kids
7. Taste
8. Act My Age
9. Right Now
10. Spend The Night
11. F.U.U.
 
 

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...

Pumarosa – Devastation

“Please don’t be perfect anymore” incita la frontwoman Isabel Munoz-Newsome in apertura del secondo album della band ...

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...