PALETTI
Super

[ Woodworm - 2018 ]
6.5
 
Genere: Indie Italiano
Tags: ,
 
7 febbraio 2018
 

Le cose sono due: o i ragazzi di oggi sono tutti come Tom Hansen di “(500) giorni insieme” (o Seth Cohen per i nati nei Novanta, Dustin Henderson o Clay Jensen per i Duemila), innamorati persi con il cuore spezzato, o si sono concentrati tutti tra i cantanti indie-itpop.

Tutta una serie di amori platonici, cotte adolescenziali, prendi-lascia continui, sono pazzo di te, sei il mio errore più bello. Empatia a livelli altissimi, tutti provano le stesse emozioni e tutti hanno necessità di cantarle allo stesso modo.

Paletti non si discosta troppo dai vari Canova, Galeffi, Ex-Otago, Thegiornalisti, Gazzelle e compagnia (itpop) bella, anche se una sua identità ce l’ha.

In questo calderone dove ogni mese esce un gruppo o cantante nuovo che tenta di scalare le playlist di Spotify, Paletti è al quarto album.

Basi elettroniche e dance prima di Cosmo; amori spezzati prima che diventasse di moda, electro pop prima dell’avvento del mac nella scrivania di ogni ragazzo.

Se “Qui e Ora” del 2015 era avanti con i tempi, ironico quanto basta e legato alla tradizione italiana, “Super” cammina a braccetto con la moda attuale, senza distanziarsi più di tanto se non per la qualità indiscutibile che lo fa emergere su altri e l’esperienza data dalle produzioni precedenti. Pietro Paletti sa come costruire brani ammiccanti, orecchiabili (“Più su”) e decisamente sing-along (“La notte è giovane”).

Su undici canzoni, però, 8 parlano d’amore, di gelosie, triangoli e insicurezze. Una percentuale alta e, nel bene o nel male, perfettamente in linea con i tempi.

Il crocevia dei 30 anni, ormai superato abbondantemente, ha lasciato tracce sulla sua scrittura: questi amori che non maturano, la voglia di rimanere sul divano e uscire il meno possibile, le insicurezze (“Capelli Blu”), figli (“Eneide”) e una sana critica per questi amori ai tempi dei social con “Chat ti amo”. C’è qualche rifacimento al passato, come per l’intro di chitarra in “Pazzo” che somiglia a “Il tempo di morire” di Battisti e ottimi spunti melodici degni della tradizione italiana.

Paletti ha la stessa visione di gioco di Sócrates (in copertina dell’album): ha chiari i meccanismi di gioco dell’indie-itpop e li ha schierati in 11, come a calcio.

“Super” merita sicuramente più di un ascolto, resta il fatto che Paletti meritava di più sin da prima. Entrando in un campionato già iniziato è difficile rimontare, a maggior ragione quando gli schemi diventano prevedibili e il modulo ricalca quello degli altri partecipanti. Alla Fiorentina ancora ricordano l’allergia agli allenamenti, alla fatica e ai ritiri del “Dottore” Sócrates; bastava la classe per tirare avanti.

La legge del minor sforzo in parte ha funzionato, ma uscire definitivamente dalla zona comfort adolescenziale serve. Sia a chi canta che a chi ascolta.

Tracklist
1. A che serve l’amore
2. La notte è giovane
3. Lui, lei, l’altro
4. Più su
5. Pazzo
6. Nonostante tutto
7. Eneide
8. Capelli blu
9. Jimbo
10. Chat ti amo
11. Accidenti a te
 
 

James – Living in ...

Tornano i James, band inglese emersa in pieno periodo Madchester (scena musicale dalla quale gli stessi hanno comunque storicamente cercato ...

Miles Kane – Coup de Grace

Miles Kane è sicuramente uno dei più influenti alfieri della scena mod-revival degli anni 2000 (e non a caso testimonial per Fred Perry), ...

The Beths – Future Me Hates ...

Lo so, ci sono alcune cose che potrebbero suonare scontate parlando dei cari The Beths, neo zelandesi di Auckland. La prima è che di loro ...

The Vryll Society – Course Of ...

Popedelici di tutto il mondo unitevi sotto la bandiera dei The Vryll Society. Il gruppo di Liverpool arriva finalmente all’album ...

Radiodervish – Il Sangre E Il ...

Come già successo in occasione del precedente “Cafè Jerusalem”, uscito nel 2015, anche stavolta i Radiodervish, storico sodalizio ...