ANNABEL ALLUM
Live @ Camden Assembly (Londra, 6/02/2018)

 
9 Febbraio 2018
 

Dopo qualche anno speso a forgiare il proprio suono-marchio di fabbrica, Annabel Allum – cantautrice di Guildford (UK) – é ora nel novero dei nomi più interessanti sulla scena indie britannica. Inutile dire che l’idea di un suo headline show alla Camden Assembly, in una serata di freddo e grigio Febbraio londinese, mi stuzzicava, e non poco.

Sarò sincero: il Martedì non é il mio giorno preferito nella settimana. Troppo lontano dal weekend, la prospettiva migliora soltanto se dopo una giornata trascorsa in ufficio riesco a mettere il naso fuori e respirare gli odori di cibo etnico nella rumorosa Camden Town. Senza dimenticare, poi, che Camden Assembly é una delle venue più intime e con la miglior resa sonora possibile, in una città che respira musica e di musica vive, a tutti gli effetti.

Arrivo un pizzico in ritardo, perché manco in pieno il primo support act. E me ne dispiaccio, dato che Joe Booley suona in maniera accattivante su disco, e il suo alt-pop un po’ sperimentale vorrei approfondirlo prima o poi. É il turno di Me And The Moon, allora, quando ho ancora in mano la prima birra. Il terzetto, anche loro di Guildford, ci impiega un attimo a prendersi la scena. Mi piace, in particolare, il nuovissimo singolo “It’s Alright”, che fa da cuscinetto ideale al set successivo. Ginger Snaps, invece, arrivano dalla più lontana Northampton e portano sul palco energia ed eclettismo, in un miscuglio di ritmiche e sonorità dalle influenze più disparate.

Finalmente, arriva il momento di Annabel: capello biondo sbarazzino, occhiali da vista ingombranti e un viso che tradisce l’emozione di uno show di una certa importanza. Il suo set inizia con una spruzzata di energia e noise che mi lascia quasi attonito. Le doti vocali dell’artista si uniscono a sonorità più graffianti e grunge rispetto alla produzione in studio, cosa che non mi sarei infatti aspettato. Annabel suona un indie rock polveroso, onesto, a tratti brutale come una folata di vento gelato sul volto (“Rich Backgrounds” e “Eat Greens” raggiungono ben presto il climax). Lo fa con grande passione, alternando i suoi feedback di chitarra a percussioni ossessive e pungenti linee di basso.

Non mancano momenti meno tesi e decisamente più emozionali, in cui la rabbia post-adolescenziale si trasforma in dolcezza mista a una malcelata malinconia. Il nuovo singolo “Beat The Birds”, ma anche gli interludi semi-acustici come “Spit” ne sono la prova tangibile. Allum suona materiale vecchio e roba ancora inedita, prima della gran chiusura con “Emily”. Trattasi di una dedica speciale alla migliore amica dell’artista, presente proprio sotto al palco con uno stuolo di altri amici e fans.

Eccola li, a fine concerto, visibilmente stravolta ma felice, dopo uno show denso di vibrazioni positive e con lo sguardo posato su un orizzonte immaginario. Chissà cosa riserverà, il futuro prossimo, a questa promessa di un cantautorato indipendente che non guarda in faccia niente e nessuno.

 

Owen – Live @ Locomotiv ...

Inizia da Bologna il tour italiano di quel Dio in terra che risponde al nome di Mike Kinsella, nelle vesti di Owen, uno dei suoi tanti (e ...

Pet Shop Boys – Live @ Teatro ...

Si torna al teatro Arcimboldi, come già detto, non il mio posto preferito per diversi motivi e l’antipatia rimane la stessa, ma del resto ...

Black Midi + O. @ Santeria Toscana ...

L’uragano Black Midi si abbatte sulla Santeria per questa tappa milanese finalmente andata a buon fine dopo la cancellazione di quella ...

Mogwai – Live @ Atlantico ...

Iniziamo dalla fine, dalle dirompenti esplosioni soniche che accompagnano “Mogwai Fear Satan”, lasciando il pubblico accorso ...

Balthazar – Live @ Fabrique ...

Oramai sarà la milionesima volta che li vedo dal vivo. Scoperti in apertura degli Editors, in un lontano 2012, me ne sono innamorato ...