ANNA BURCH
Quit the Curse

[ Polyvinyl - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-pop-folk
 
14 Febbraio 2018
 

Si mette in proprio la deliziosa Anna Burch, fanciulla del Michicag, già attiva con Frontier Rucks e successivamente nei Failed Flowers. Tra le due band quella che forse ha lasciato più il segno in Anna è la prima, perché in effetti qui, in “Quit the Curse”, siamo bel lontani dalle sfuriate indie-pop a basso minutaggio dei FF. Sta di fatto che la Polyvinyl potrebbe davvero aver trovato un gioiellino che parte indie, ma poi potrebbe finire per far breccia anche in ambienti più ampi, magari con un singolo che trova il viatico buono per una rotazione importante. E nel disco canzoni con una tale potenzialità non mancano (il trittico iniziale è di quelli importanti, tanto per dire).

Anna Burch non inventa nulla, sia chiaro, lavora con precisione e sapiente gusto melodico in un ambiente indie-pop-folk già ben battuto da colleghe “cantantesse”, ma quello che forse fa scattare il mezzo punto in più è la forte componente personale e sfrontata dei testi (crudi, amari e tutt’altro che radiosi) e l’ottimo lavoro di Collin Dupuis ai suoni, che ha reso il tutto più brillante e vivace, mettendo ancora più in risalto una naturale predisposizione a quelle melodie e a quei cori che, già al terzo ascolto, si sono appiccicati nell’angolo del cervello più recettivo. Mai troppo sdolcinata ma anzi piacevolemnte agrodolce, con la giusta devozione agli anni ’60 (così come con l’intelligenza musicale giusta per capire quando inserire piccole novità e variazioni sul tema), la capacità di mantenere viva l’attenzione sia nei momenti più pimpanti sia in quelli in cui il ritmo si abbassa: Anna Burch porta a casa uno di quei dischi che sapranno accompagnarci con disinvoltura lungo questo inverno, con vista alla primavera.

Tracklist
1. 2 Cool 2 Care
2. Tea-Soaked Letter
3. Asking 4 a Friend
4. Quit the Curse
5. Belle Isle
6. In Your Dreams
7. What I Want
8. Yeah You Know
9. With You Every Day
 
 

Vanarin – EP 2

di Beatrice Bianchi All’ascolto, un brano dei Vanarin si pone come un viaggio tra l’Italia e l’Oltremanica, spaziando tra sonorità ...

Black Lips – Sing In A World ...

I Black Lips giungono con il nuovo “Sing In A World That’s Falling Apart” a una forma – non dico definitiva – ...

Demitasse – Perfect Life

Per la serie coppie musicali che funzionano: i Demitasse di Joe Reyes e Erik Sanden, attivi anche in chiave più rock con i Buttercup. Tre ...

Julielle – (A)Cross

Dalla fucina musicale del tacco italiano (mainstream e non) emerge la voce della giovanissima Julielle, figlia dello stile delle nostrane ...

Khruangbin & Leon Bridges – ...

Leggo Khruangbin e mi vengono gli occhi a forma di cuore: personalmente, una delle cose più fighe degli ultimi (poveri) anni, altro non ...