NO AGE
Snares Like A Haircut

[ Drag City - 2018 ]
7.5
 
Genere: noise pop, punk
Tags:
 
14 Febbraio 2018
 

Ogni album dei No Age è un’altalena tra rumore e melodia. Quando dieci anni fa il duo californiano composto da Dean Spunt (batteria e voce) e Randy Randall (chitarra) arrivò al debutto sulla lunga distanza con l’incensatissimo “Nouns”, la bilancia pendeva pesantemente verso il primo elemento. Sotto muri di feedback e distorsioni sfrigolanti, però, c’è sempre stata un’indomita anima pop che ha definitivamente preso il sopravvento in “An Object”, l’ultimo album pubblicato per la Sub Pop nel 2013. Un lavoro sperimentale e meno immediato del solito nel quale i No Age, con grande coraggio e forse un po’ troppa ambizione, hanno dimostrato di essere qualcosa di più che un semplice gruppo punk votato all’etica del Do It Yourself e alla bassa fedeltà.

A cinque anni di distanza, freschi di un nuovo contratto discografico con l’indipendente e anti-streaming Drag City, Spunt e Randall tornano parzialmente sui loro passi con “Snares Like A Haircut”. Alla base dei dodici brani in scaletta c’è una ritrovata essenzialità: dinamismo ed energia sono i due termini che balzano immediatamente in mente ascoltando il caotico noise/dream pop di “Cruise Control”, “Stuck In The Changer” e “Drippy”. L’esperienza di “An Object” non è però stata assolutamente messa da parte, e di tanto in tanto i due losangelini continuano a concedersi qualche momento più avventuroso. Sparsi per l’album fanno la loro comparsa tracce di ambient (le strumentali “Snares Like A Haircut” e “Third Grade Rave”) e grezzissimo shoegaze, in bilico tra atmosfere rarefatte alla My Bloody Valentine e pulsanti beat motorik (“Squashed” e “Primitive Plus”). Ma come già detto sono semplicità e massimo impatto le caratteristiche principali di “Snares Like A Haircut”, che trova nel punk rock/lo-fi tiratissimo e senza fronzoli di “Tidal”, “Popper” e “Secret Swamp” i suoi momenti più interessanti.

Con una produzione levigata e attenta a smussare gli aspetti più ruvidi, buona parte di queste nuove canzoni magari avrebbe permesso a Spunt e Randall di imboccare la strada dorata dell’alternative rock da classifica. Fortunatamente i No Age, ultimi incorruttibili paladini del D.I.Y., preferiscono la coerenza e, invece di cercare una via facile per il successo, continuano a sfornare ottimi dischi.

Tracklist
1. Cruise Control
2. Stuck In The Changer
3. Drippy
4. Send Me
5. Snares Like A Haircut
6. Tidal
7. Soft Collar Fad
8. Popper
9. Secret Swamp
10. Third Grade Rave
11. Squashed
12. Primitive Plus
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...