ALEX LAHEY
I Love You Like a Brother

[ Dead Oceans - 2017 ]
7.5
 
Genere: indie-pop-punk
Tags:
 
16 Febbraio 2018
 

Onestà e rock. Ecco i punti fermi della nostra Alex Lahey, fanciulla di Melbourne che racconta di sé in quel modo così aperto e sincero che è davvero facile creare subito un legame empatico. Se poi a musicare il tutto ci mettiamo una bella dose di chitarre rumorose a metà strada tra il pop-punk e il rock, beh, allora il gioco è fatto. E gli applausi meritati.

Di cosa parla Alex? Beh, è presto detto: sfighe, rotture, solitudine, trionfi, cadute e pensieri se sia conveniente rialzarsi o meno. Insomma una quotidianità conosciuta più o meno da tutti, con tutta quella serie di pensieri che ci attraversano il cervello un sacco di volte al giorno. La fanciulla ci ride sopra, sa prendersi in giro e trovare anche il lato positivo del tutto, non sempre a dire il vero, ma spesso si. Perdenti con la consapevolezza di esserlo e, spesso, con il gusto di esserlo.

Certo sa come prenderci alla gola, musicalmente parlando, perché le sue traiettorie sonore vanno dai Ramones ai Vaccines degli esordi: classiche, certo, ma dannatamente catchy e con i ritornelli sempre al punto giusto, per non paralare di certi coretti che ti fanno salire la pressione. Un disco bello, semplice, immediato, energico, divertente e liberatorio, da cantare a squarciagola, per far si che l’incazzatura della giornata possa tramutarsi in qualcosa di positivo. Anche non ce la facessimo, beh, avremo comunque canticchiato una gran bella canzone.

 

Tracklist
1. Every Day's A Weekend
2. I Love You Like A Brother
3. Perth Traumatic Stress Disorder
4. I Haven't Been Taking Care Of Myself
5. Backpack
6. Awkward Exchange
7. I Want U
8. Lotto In Reverse
9. Let's Call It A Day
10. There's No Money
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...