HOLY MOTORS
Slow Sundown

[ Wharf Cat - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-slow-rock
Tags:
 
19 Febbraio 2018
 

Penombra, la nostra testa abbassata e dolcemente ciondolante, gli occhi chiusi e la mente che si apre e si ritrova senza confini fisici e temporali, in una splendida narcolessia ipnotica. E’ questa la necessaria situazione in cui la musica degli Holy Motors ci porterà e farà, al meglio,  il suo dovere ipnotico. Chissà se in Estonia (terra d’origine della band) ci sono questi spazi quasi western che la loro musica sembra suggerire, è la prima domanda che mi sono fatto ascoltando il loro esordio “Slow Sundown”, un disco magico e suggestivo che parte da una base slow-core (alla Low) per accogliere con sensualità anche forti riverberi e suggestioni noir.

Impossibile, in alcuni momenti, non pensare alle ballate languide che hanno reso immensa Hope Sandoval, così come all’estetica “americana” tracciata dai Cowboy Junkies, ma quanto detto non inficia assolutamente nè la personalità della band nè la resa emozionante di queste perle ad alto tasso onirico e letargico. La necessità è quella di smorzare l’intensità dei nostri movimenti, di lasciarci cullare fisicamente ma, come suggerivo in apertura, di non spegnere la mente, anzi, di lasciarla finalmente libera di vagare senza costrizioni, sulle note ariose e cinematografiche di una band che crea spazi vuoti, che ognuno di noi può riempire anche con i desideri più languidi, stimolati da questo sound.

Ah, produce Carson Cox dei Merchandise.

Tracklist
1. Honeymooning
2. Valley
3. Silently for Me
4. Signs
5. I Will Try
6. Ghost of Heart
7. Sleeprydr
8. Outro
 
 

Lonely Guest – Lonely Guest

Una pruriginosa irrequietezza si insinua alle prese con questo “Lonely Guest” nel sapere che dietro questo pseudonimo si ...

W.H. Lung – Vanities

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella ...

Marissa Nadler – The Paths of ...

Dicono che Marissa abbia avuto l’ispirazione per le canzoni di questo suo nono album in parte dalle visioni in lockdown della serie ...

Penelope Isles – Which Way To ...

E’ ovviamente un grande piacere poter ascoltare il sophomore dei Penelope Isles, che già ci avevano ben impressionato con il loro ...

Jerry Cantrell – Brighten

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa ...