AUTOMI DELLA SOCIETA’, TORTELLINI E MUSICA DA CAMERA: INTERVISTA DOPPIA A ROBOX E ZEUS!

 
Tags: ,
20 febbraio 2018
 

Il 20 gennaio fa sono andato a sentirmi Robox e ZEUS! allo Smartlab di Rovereto (unica data in Trentino).
Robox è un progetto Jazzcore/Math-core nato circa un paio di anni fa, con membri degli One Dimensional Man e Il Teatro Degli Orrori, che non ha ancora realizzato un album, anche se sono in procinto nel farlo (ma in compenso nel loro profilo soundcloud ci sono una manciata di pezzi); gli ZEUS! invece sono una band math che bazzica nella penisola da ormai un po’ di anni, con due album alle spalle ed esperienze in altre band (tra cui i Calibro 35), dimostrando di conoscere alla perfezione la materia.
Dopo le loro esibizioni sono andato a scambiare due chiacchiere veloci con loro.

ROBOX:

LEGENDA:

G = Gioele Maiorca (Indie For Bunnies)
C = Carlo Veneziano (Chitarra)
F = Francesco Valente (Batteria)

C: Noi siamo Robox, siamo una band che suona in strumentale, io e Cesco (il bassista, non presente all’intervista) veniamo da Treviso, mentre Franz viene da Trieste.

G: Perché Robox?
F: Sono gli automi, qualcosa che va avanti da sola, il lavoratore.
C: Ci esprimiamo anche attraverso la musica e anche la roboticità della società moderna. Possono esserci vari livelli di lettura.

G: Come vi definite?
F: Dai pezzi che abbiamo fatto ci definiamo Jazzcore. Non facciamo né Jazz ne Hardcore, però può dare l’idea di questo incontro di generi molto diversi.

G: Qual è il vostro cibo preferito?
F: Gli involtini primavera.
C: L’insalata alle mandorle.

G: Cosa ne pensate della politica?
F: Sono tutti dei furfantelli, anche se la seguo indirettamente.
C: Se mi chiedi com’è la politica adesso è esibizionismo, è così che attualmente viene espressa.

G: Avete qualcosa in programma per il futuro?
C: Abbiamo in programma di registrare un album, siamo un gruppo che fa poche cose mirate.

ZEUS!

LEGENDA
G = Gioele Maiorca (Indieforbunnies)
L = Luca Cavina (Bassista)

L: Dati anagrafici: Luca Cavina, nato a Casa San Pietro il 13/12/1981

G: Perché ZEUS?
L: L’intuizione è venuta a Paolo (il batterista, che non era presente all’intervista NdR), chiaramente è il nome della divinità, ma invece è partito da un tipo di petardo, molto più potente dei miniciccioli. Insomma c’è venuto in mente prima il petardo che la divinità.

G: Come vi definite?
L: In generale la cosa di definirci non l’abbiamo mai voluta fare, quantomeno con le etichette. Ci piace di più il fatto che in chi ascolta la nostra musica riusciamo anche a rievocare delle musiche lontane da quello che facciamo nello specifico, nel senso che abbiamo degli ascolti molto differenziati e magari delle cose molto lontane ci influenzano nel progetto ZEUS!; è successo che a Brixton un ragazzo ci ha fermato dicendo “Cavolo, ma quello che ho sentito sembra musica da camera contemporanea, nei vostri concerti dovreste mettere le poltrone per sedersi”. Nel senso, è chiaro che se vedi un nostro live da un punto di vista attitudinale non lo diresti mai, però in realtà ascoltiamo molta di quella roba che ha detto il ragazzo e quindi evidentemente ha intuito da dove veniamo.

G: Qual è il tuo cibo preferito?
L: Il mio cibo preferito potrebbe anche essere il mio batterista. No, scherzo, essendo che sono emiliano-romagnolo, esattamente sul confine, direi i tortellini imolesi, più grossi rispetto a quelli normali.

G: Avete qualcosa in programma per il futuro?
L: Diciamo che abbiamo qualcosa in programma per il futuro immediato, abbiamo un tour a maggio con i Valerian Swing, dobbiamo registrare un brano con M¥SS Keta – fa strano dirlo, ma sì – e abbiamo anche intenzione di fare qualcosa per il disco nuovo, ma solo quando sarà il momento giusto.

 

One True Pairing racconta il suo ...

Al TOdays ha presentato per il pubblico italiano il suo nuovo progetto One True Pairing. Tom Fleming ci ha raccontato, in una lunga ...

“Molto del materiale su cui ...

I PUP hanno iniziato la loro attività nel 2010 ai tempi dell’università: allora il gruppo si chiamava Topanga. Il loro omonimo primo ...

“Scrivo sempre troppe ...

di Riccardo Cavrioli e Antonio Paolo Zucchelli Affabile e ricco di spunti e ironia. Chiacchierare con Neil Hannon di The Divine Comedy è ...

“Gran parte del nostro ...

Il Giappone è uno scrigno favoloso che racchiude perle shoegaze/guitar-pop di inestimabile valore. Oggi la nostra attenzione si concentra ...

“Le nostre mire sono di ...

Le interviste telefoniche non sempre mi piacciono, a volte sono come dire un po’ distaccate, visto a dividere me e l’artista ...