NUOVO SINGOLO E, ALL’ORIZZONTE, IL NUOVO ALBUM. LA NOSTRA INTERVISTA CON KRISTINA BORG DEI RED SLEEPING BEAUTY

 
23 Febbraio 2018
 

Nel 2016 hanno fatto il loro ritorno i Red Sleeping Beauty, storica formazione svedese indie-pop. “Kristina” è stato l’album del ritorno, dopo ben 19 anni di pausa! La band (sempre composta da Kristina Borg -ora guarita dal tumore e parte attiva nella composizione dei nuovi brani-, Niklas Angergård e Mikael Matsson), che ha decisamente accentuato il suo lato elettronico, proprio oggi ha pubblicato il nuovo singolo “Top Love”, che vi proponiamo con grande piacere, ma sopratutto sta lavorando al nuovo disco che dovrebbe uscire più avanti nel corso dell’anno.

Il nuovo brano è proprio l’occasione per scambiare due veloci parole proprio con Kristina.

La prima domanda è doverosa, ma forse è anche la più importante: come stai?
Sto bene. Sono passati due anni da quando ero malata e non ci penso più tanto. Quel periodo è stato terribile e sono contenta che sia finita e sono felice di essere sopravvissuta.

Come sta andando la scrittura delle nuove canzoni?
Sta lentamente andando avanti. Non possiamo incontrarci così spesso come quando eravamo giovani, ma d’altra parte siamo più efficaci ed efficenti quando ci troviamo. Abbiamo dieci o dodici canzoni che intendiamo concludere in primavera o all’inizio dell’estate. Potrebbe essere il nostro miglior album di sempre 🙂

Avevate avuto l’idea di pubblicare il nuovo singolo a San Valentino…
Si. La canzone si chiama “Top Love” e parla di lussuria e amore alla luce delle faccende della vita di tutti i giorni, quindi abbiamo pensato, perché non pubblicarlo a San Valentino? In qualche modo ci sembrava adatto. In realtà poi il mix è durato un po’ più del previsto, quindi la data di uscita è diventata il 23 febbraio.

Il vostro suono è ora molto più elettronico rispetto al passato. Come valuti la vostra produzione degli anni ’90, che era basata molto sulla chitarra?
Quando Mikael e Niklas hanno iniziato a scrivere di nuovo canzoni, penso che volessero trasmettere l’idea di qualcosa di un po’ “nuovo”. Mikael ha un sacco di vecchi sintetizzatori, quindi è stata una direzione naturale. Ma anche alcune vecchie canzoni dei Red Sleeping Beauty come “Cinema” o “For Once” sono molto elettroniche.

Tornando all’album precedente, come ti sei sentita quando Niklas e Mikael hanno deciso di chiamare l’album con il tuo nome?
Avevamo appena iniziato a fare di nuovo canzoni insieme, quando mi sono ammalata e penso che siamo rimasti tutti abbastanza spaventati e sotto shock. Abbiamo anche capito che non potevo essere coinvolta come avrei voluto perché il trattamento del cancro è piuttosto difficile, quindi è diventato una sorta di soluzione per essere coinvolta e poi tornare con un nuovo focus.

Spero di vedere RSB dal vivo in questo 2018, sarebbe fantastico…
Sì, speriamo di ricevere anche dei fantastici inviti dall’Italia per suonare!

Grazie ancora per la tua disponibilità Kristina. C’è qualche band o artista svedese che ci consigli di ascoltare?
Ultimamente sono rimasta molto colpita da Yung Lean.

 

Mike Joyce ci svela qual e’ ...

Mike Joyce, musicista consegnato alla storia per essere stato il batterista di una delle migliori band di sempre The Smiths, a breve a ...

“Devi vivere la vita reale ...

Nati nel lontano 2003, i Twilight Sad hanno già pubblicato cinque album e sono stati in tour per tutto il mondo. La band post-punk ...

“Bisogna guardare al futuro e ...

Jake Clemons dal 2012 – dopo la morte dello zio Clarence – è diventato il sassofonista della E-Street Band di Bruce Springsteen, con ...

“Ogni canzone parla di un ...

Malena Zavala è una musicista indie-pop argentina, ma trasferitasi ancora bambina a Londra: la ragazza sudamericana, che è anche una ...

“Il mio suono ha una maggior ...

di Stefano Bartolotta Fin dal suo primo EP “Beautiful Words” del 2015, il londinese Oscar Scheller, che al tempo si faceva chiamare solo ...