CALL ME BY YOUR NAME (CHIAMAMI COL TUO NOME)

8
 
 
di
27 febbraio 2018
 

Siamo nell’estate del 1983, in un’Italia da cartolina (praticamente un marchio di fabbrica di Guadagnino), da qualche parte in Lombardia (ho riconosciuto i dintorni del Garda, la Brianza, il Bergamasco…oh, se sbaglio perdonatemi), Elio, precoce rampollo di una famiglia un po’ ebrea, un po’ italiana, un po’ francese, un po’ americana e chi più ne ha più ne metta, è alle prese con la scoperta della sua sessualità.

L’argomento viene affrontato da Guadagnino con una profonda leggerezza che ricorda Romer, ma lasciando meno spazio all’immaginazione (di quella pesca ci ricorderemo proprio tutti). Mentre Elio si gode l’estate tuffandosi in laghetti limpide e adolescenti francesi, gli arriva in casa l’assistente universitario del padre, un Armie Hammer bravo e bello da impazzire. Tra i due sarà un crescendo di passione e tenerezza, destinato inevitabilmente (ma non nella maniera in cui tutti vi aspettereste perché Elio non è nemmeno maggiorenne) a finire e a segnare entrambi per il resto delle proprie vite.
Guadagnino, che in precedenza non mi aveva convinto così tanto, è bravissimo in tante cose. A tratteggiare in maniera così delicata e spontanea una storia di crescita, amore e scoperta, a immortalare l’amena bellezza del verde lombardo, ma anche a fotografare un tempo perduto. Da quest’ultimo punto di vista è meravigliosa la serata cogli Psychedelic Furs nella pista da ballo in una piazzetta di un paesino lombardo.

Ci crediate o no la parte piú bella del film sono gli struggenti titoli di coda, merito anche della soundtrack originale di un Sufjan Stevens da Oscar certo.
Dieci minuti in meno (i troppi tergiversamemti prima di lasciare la passione esplodere) ne avrebbero fatto un capolavoro.

Regia: Luca Guadagnino
Prodotto: Howard Rosenman, Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges, Rodrigo Teixeira, Marco Morabito, James Ivory
Scritto da: James Ivory
Cast: Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel
Musiche: Sufjan Stevens
 

A Beautiful Day (You Were Never ...

E’ un film non privo di difetti. Il più grande dei quali è una diegesi piuttosto confusionaria. Ramsey – che il film lo ha ...

Avengers: Infinity War

Ho letto in giro che qualche fan irriducibile di qualche supereroe, mi pare di Hawkeye, si sia lamentato per l’assenza dei propri ...

I, Tonya (Tonya)

La storia di Tonya Harding sarebbe stata avvincente anche sotto le spoglie di una biopic sportiva più canonica, ma il regista Craig ...

Verónica (Veronica)

Di Veronica mi è piaciuta una cosa: l’ambientazione nella Madrid degli anni ’90. Viene mostrata la luce del sole azzeccata, i ...

Dark – Stagione 1

Lo dico subito: una mezza delusione. Si incasina troppo, risponde a tante domande relative alla difficile struttura ad incastro, ma ...