OGGI “AGAINST PERFECTION” DEGLI ADORABLE COMPIE 25 ANNI

 
1 marzo 2018
 

Erano contro la perfezione Piotr e compari nel lontano 1993, ma in un disco erano riusciti a toccarla veramente!
Un lavoro che a risentirlo adesso, 25 anni dopo, non ha assolutamente perso in fascino, ancora caldo, sfacciato, impulsivo e abbagliante. “Against Perfection” è uno di quei dischi che porta in sé già alcuni spunti del guitar-pop rigoglioso e melodico che da li a breve imperverserà in Inghilterra e, nello stesso tempo, rappresenta uno degli ultimi bagliori più accecanti e suggestivi dello shoegaze: si muoveva infatti tra questi estremi la creatura di Piotr Fijalkowski, dotato di una voce calda e inconfondibile, con il gruppo –Robert Dillam (chitarra), Stephen ‘Wil’ Williams (basso) e Kevin Gritton (batteria)– impegnato a creare melodie eccelse che emergevano dal feedback delle chitarre.
Accostati ai Suede (anche loro esordivano proprio nel 1993 e spesso la stampa li metteva più o meno in competizione), almeno in parte ne abbracciavano anche l’estetica e le suggestioni glam, per confondere poi il tutto in accordi chitarristici meno lascivi ma sicuramente più intensi, riverberati e sonici.

Da “Sistine Chapel Ceiling” a “Favorite Fallen Idol” non mancano infatti le esplosioni chitarristiche, accese e trascinanti. “A To Fade In” riecheggia House of Love ed Echo and the Bunnymen, modelli certo per il gruppo, ma è davvero malinconia allo stato puro questa canzone, disperata e stordente nel suo finale.
“Still Life” è l’aspetto più cupo e oscuro del gruppo (già toccato in “Summerside” di cui questa traccia vuole ricalcare le orme), prima di entrare nel mondo lisergico di “Breathless”, fatta di un crescendo epico e shoegaze, alla Cocteau Twins, che sembra davvero di stare in un giardino così ricco di fiori profumati da sentirsi tanto affascinati quanto, realmente, senza fiato. Certo, la vera perla rimarrà sempre “Homeboy”, singolo che anticipava il disco, che con il suo basso martellante, le sue chitarre accecanti e il grido disperato “you’re so beautiful”, rimarrà per sempre nell’Olimpo della musica. Non scherzo.

Erano davvero adorabili!

Data di pubblicazione: 1 marzo 1993
Tracce: 10
Lunghezza: 48:50
Etichetta: Creation
Produttori: Alan Moulder e Pat Collier

Tracklist:
1. Glorious
2. Favourite Fallen Idol
3. A To Fade In
4. I Know You Too Well
5. Homeboy
6. Sistine Chapel Ceiling
7. Cut #2
8. Crash Sight
9. Still Life
10. Breathless

 

Oggi “Roman Candle” di ...

La musica di Elliott Smith è essenziale, nel senso che il cantautore americano riuscì ad esprimere sé stesso, il suo mondo, le sue ...

Space Oddity: il Kleos, la fama, la ...

Oggi la questione non è tanto quella di poter esprimere ciò che si è davvero, quanto, invece, quella di raggiungere i propri obiettivi di ...

Oggi “Happy Sad” di Tim ...

“Happy Sad” è un ossimoro, un contrasto che ben descrive l’anima di un artista complesso come Tim Buckley. L’anima o meglio le ...

Oggi “This is What You ...

Johnny Rotten era insoddisfatto dei Sex Pistols e stanco delle richieste di Malcolm Mc Laren, il “borghese anarchico” del punk. ...

Oggi “The B-52’s” dei The ...

I B-52’s, oggi e da adesso in poi, nell’articolo, senza l’apostrofo, sono una delle band che ho più amato nel periodo ...