PALE WAVES
All The Things I Never Said EP

[ Dirty Hit - 2018 ]
5.5
 
Genere: indie-pop
Tags:
 
2 marzo 2018
 

Saranno anche quotati, avranno le pagine dei giornali, avranno recensioni, avranno lodi, faranno un sacco di tour e date sold out…ma la personalità è letteralmente scomparsa. Nel patto con il diavolo che i Pale Waves hanno fatto con i The 1975, hanno guadagnato in fama e visibilità ma hanno perso drammaticamente in qualità. Se poi il loro scopo era diventare una band clone dei 1975 con voce femminile, beh, allora questo è un altro discorso, ma ascoltando  i primi singoli della carriera, ovvero “The Tide” e “Heavenly”, il messaggio non era certo quello.

Sta di fatto che i Pale Waves di Manchester, prima di questo EP, ci dicono ben poco: le chitarre, gli stacchi, il modo di cantare è ricalcato e strutturato sul modello della band di Matt Healy (che ha pure prodotto alcuni loro singoli). Il nuovo EP, che vede alla produzione Jonathan Gilmore, cerca in minimissima parte di smarcarsi dall’influenza (nefasta) di Matt e soci, ma alla fine l’aria che si respira è sempre quella (un pezzo come “My Obsession”, seppur piacevole, è quasi imbarazzante nel voler ricalcare pedissequamente la strada e lo stile dei 1975).
Lasciamo stare puttanate (si, proprio questo termine) tipo “gothic-pop”, come si legge da qualche parte: non è che una band diventa gotica solo se la cantante si concia come Morticia Addams, abbondando di trucco nero. Qui siamo di fronte a un indie-pop caratterizzato da qualche richiamo anni ’80 e con i synth che la fanno da padrone. Ritornelli ben strutturati, ma aria fin troppo patinata. Anche i primissimi singoli che ho citato sopra sono ripresi, ma cambiati rispetto alla precedente versione (“Heavenly” resta comunque il brano migliore dei 4 presenti, poco da dire) e filtrati attraverso l’ottica attuale della band.

Anche in questi 4 brani la band ci da ben pochi spunti positivi, ma la stampa inglese non smette di venerali e, a questo punto, che se la godano e speriamo in qualche positiva sorpresa nel futuro.

Tracklist
1. New Year’s Eve
2. The Tide
3. My Obsession
4. Heavenly
 
 

James – Living in ...

Tornano i James, band inglese emersa in pieno periodo Madchester (scena musicale dalla quale gli stessi hanno comunque storicamente cercato ...

Miles Kane – Coup de Grace

Miles Kane è sicuramente uno dei più influenti alfieri della scena mod-revival degli anni 2000 (e non a caso testimonial per Fred Perry), ...

The Beths – Future Me Hates ...

Lo so, ci sono alcune cose che potrebbero suonare scontate parlando dei cari The Beths, neo zelandesi di Auckland. La prima è che di loro ...

The Vryll Society – Course Of ...

Popedelici di tutto il mondo unitevi sotto la bandiera dei The Vryll Society. Il gruppo di Liverpool arriva finalmente all’album ...

Radiodervish – Il Sangre E Il ...

Come già successo in occasione del precedente “Cafè Jerusalem”, uscito nel 2015, anche stavolta i Radiodervish, storico sodalizio ...