HOOKWORMS
Microshift

[ Domino - 2018 ]
5.5
 
Genere: Alternative, Electro Indie
Tags: ,
 
5 Marzo 2018
 

Vi ricordate “The Hum” (disco del 2014)? Che album. Davvero bello, ben costruito e realizzato. Ok, lo avete bene in mente? Immaginate di averlo in mano, quel disco, buttatelo nel cestino della plastica (se non fate la differenziata nella discarica più vicina) e, in qualche modo, dovrebbe uscire “Microshift”.

Con questo tono aggressivo (ed anche ironico) vorrei parlare di questo cambiamento electro-pop inaspettato e non voluto (almeno da me) degli Hookworms: ce n’era davvero bisogno? Pensandoci bene no. Lo stile che avevano perseguito era interessante e poteva evolversi, per emergere sempre più verso un qualcosa di innovativo che comunque rimanesse sui loro binari stilistici, ma invece la band decide di inserire forti dosi d’elettronica, strutturandosi così in un pop un po’ banalotto, sentito e risentito, masticato e risputato più volte, anche se ci sono degli sprazzi di genialità, lo devo ammettere,  che salvano il disco dal naufragio totale. Ascoltando alcuni pezzi, per quanto riguarda la parte strumentale, penso “Boxing Day” e “Reunion”, con le loro parti di sax davvero calzanti nel contesto, ti accorgi delle potenzialità dei nostri e il fatto che siano i migliori brani di tutto l’album non fa che aumentare i rimpianti: se tutta l’opera fosse stata come questi due pezzi, beh, l’avrei apprezzata molto di più.

In conclusione, purtroppo, agli Hookworms non riesce la fusione di stili tra l’anima psych e fuzz e quella più elettronica: sono entrati in un contesto musicale che hanno perseguito talmente tante band che ho perso il conto e perdono i loro tratti personali, insomma più che “Microshift” direi Microshit.

Tracklist
1. Negative Space
2. Static Resistance
3. Ullswater
4. The Soft Season
5. Opener
6. Each Time We Pass
7. Boxing Time
8. Reunion
9. Shortcomings
 
 

Asgeir – Bury The Moon

Un colpo al cerchio e uno alla botte per il buon Ásgeir, che anche questa volta trova il fedele aiuto di John Grant nel tradurre le sue ...

The Courteeners – More. ...

Sin dagli albori della loro carriera, i Courteeners hanno dimostrato di conoscere i trucchi per cavalcare l’onda, come i surfisti più ...

Tame Impala – The Slow Rush

Premessa fondamentale, quanto semplicistica: il sottoscritto rientra nella schiera di coloro che hanno adorato i primi due album a firma ...

Green Day – Father Of ...

Celebrare lo stile di vita di chi se ne fotte altamente di tutto e tutti. Il comunicato stampa che accompagna l’uscita di “Father Of ...

Christopher Paul Stelling – ...

Christopher Paul Stelling è arrivato all’album numero cinque della sua carriera con questo “Best Of Luck”, uscito a tre anni di ...