HOOKWORMS
Microshift

[ Domino - 2018 ]
5.5
 
Genere: Alternative, Electro Indie
Tags: ,
 
5 Marzo 2018
 

Vi ricordate “The Hum” (disco del 2014)? Che album. Davvero bello, ben costruito e realizzato. Ok, lo avete bene in mente? Immaginate di averlo in mano, quel disco, buttatelo nel cestino della plastica (se non fate la differenziata nella discarica più vicina) e, in qualche modo, dovrebbe uscire “Microshift”.

Con questo tono aggressivo (ed anche ironico) vorrei parlare di questo cambiamento electro-pop inaspettato e non voluto (almeno da me) degli Hookworms: ce n’era davvero bisogno? Pensandoci bene no. Lo stile che avevano perseguito era interessante e poteva evolversi, per emergere sempre più verso un qualcosa di innovativo che comunque rimanesse sui loro binari stilistici, ma invece la band decide di inserire forti dosi d’elettronica, strutturandosi così in un pop un po’ banalotto, sentito e risentito, masticato e risputato più volte, anche se ci sono degli sprazzi di genialità, lo devo ammettere,  che salvano il disco dal naufragio totale. Ascoltando alcuni pezzi, per quanto riguarda la parte strumentale, penso “Boxing Day” e “Reunion”, con le loro parti di sax davvero calzanti nel contesto, ti accorgi delle potenzialità dei nostri e il fatto che siano i migliori brani di tutto l’album non fa che aumentare i rimpianti: se tutta l’opera fosse stata come questi due pezzi, beh, l’avrei apprezzata molto di più.

In conclusione, purtroppo, agli Hookworms non riesce la fusione di stili tra l’anima psych e fuzz e quella più elettronica: sono entrati in un contesto musicale che hanno perseguito talmente tante band che ho perso il conto e perdono i loro tratti personali, insomma più che “Microshift” direi Microshit.

Tracklist
1. Negative Space
2. Static Resistance
3. Ullswater
4. The Soft Season
5. Opener
6. Each Time We Pass
7. Boxing Time
8. Reunion
9. Shortcomings
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Maggie Rogers – Surrender

Instancabile Maggie Rogers: sei anni dopo “Alaska” il brano che l’ha fatta conoscere e a tre dall’esordio “Heard It in a Past ...

…And You Will Know Us By The ...

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, ...

Recent Comments