TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

8.5
 
 
di
6 marzo 2018
 

Film strepitoso.
I tre manifesti, affissi da una madre per denunciare l’incapacità e il lassismo della polizia locale nelle indagini per lo stupro e l’omicidio della figlioletta, sono il pretesto di McDonagh per scatenare la rabbia e la violenza latenti nella gretta provincia americana.

Uno script esplosivo, che alterna brillanti momenti dialogici a scoppi di violenza, divide in fazioni una serie di losers coeniani, non privando nessuno di loro, anche i più meschini, di una proverbiale seconda chance.

La McDormand e Harrelson sono stati di una bravura assurda, Sam Rockwell, con il più mediocre tra i mediocri, un Jason Dixon da cult immediato, è andato addirittura oltre.

Non lo chiamo capolavoro soltanto perché vuole strafare con la caratterizzazione di troppi personaggi, anche quelli meno riusciti (mi viene in mente quello di Peter Dinklage) finendo con l’avere qualche minuto di troppo.

Regia: Martin McDonagh
Prodotto: Graham Broadbent, Pete Czernin, Martin McDonagh
Scritto da: Martin McDonagh
Cast: Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Abbie Cornish, John Hawkes
Musiche: Carter Burwell
 

Sulla Mia Pelle

“Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini non mostra il pestaggio di Stefano Cucchi ad opera delle forze dei carabinieri di Roma. ...

Ant-Man and the Wasp

Il Marvel Cinematic Universe continua a espandersi. Non soltanto dal punto di vista dei nuovi personaggi che vengono introdotti di film in ...

Ostili (Hostiles)

Western credibili ai giorni nostri sono merce molto rara. Non manchevole di qualche difetto e forzatura, “Hostiles” fa, senza ...

Ghost Stories

“Ghost Stories” è un discreto horror che sprizza inglesità da ogni poro – a tal proposito andrebbe vietato di guardarlo ...

Un Posto Tranquillo (A Quiet Place)

“A Quiet Place” non è poi tutto questo gran bel posto e, soprattutto, non é poi cosí quiet. E’ infatti un futuro ...