TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

8.5
 
 
di
6 marzo 2018
 

Film strepitoso.
I tre manifesti, affissi da una madre per denunciare l’incapacità e il lassismo della polizia locale nelle indagini per lo stupro e l’omicidio della figlioletta, sono il pretesto di McDonagh per scatenare la rabbia e la violenza latenti nella gretta provincia americana.

Uno script esplosivo, che alterna brillanti momenti dialogici a scoppi di violenza, divide in fazioni una serie di losers coeniani, non privando nessuno di loro, anche i più meschini, di una proverbiale seconda chance.

La McDormand e Harrelson sono stati di una bravura assurda, Sam Rockwell, con il più mediocre tra i mediocri, un Jason Dixon da cult immediato, è andato addirittura oltre.

Non lo chiamo capolavoro soltanto perché vuole strafare con la caratterizzazione di troppi personaggi, anche quelli meno riusciti (mi viene in mente quello di Peter Dinklage) finendo con l’avere qualche minuto di troppo.

Regia: Martin McDonagh
Prodotto: Graham Broadbent, Pete Czernin, Martin McDonagh
Scritto da: Martin McDonagh
Cast: Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Abbie Cornish, John Hawkes
Musiche: Carter Burwell
 

The Mule (Il Corriere)

Avrà anche i suoi difetti, tutti accumulati sul piano più crime della narrazione (le vicende investigative affidate alla coppia ...

Creed 2

Ci sono dei film in cui sin dal primo minuto sai dove andranno a parare, di alcuni altri sai addirittura come ci andranno a parare. ...

Oggi il film “I Guerrieri ...

di Dario Ardias Thorre Quarant’anni fa, tondi tondi. Era il 1979 e io, dalla prima volta che l’ho visto, continuo a correre ...

Basquiat

di Dario Ardias Thorre Il 3 Gennaio è uscito il nuovo film di Julian Schnabel: “Van Gogh, Sulla soglia dell’eternità” e ...

Glass

di Alessio Verde (Horror House) Sono sempre stato molto legato a Shyamalan, fin da quando in tenera età mi ha catturato e stregato con ...