ANDREW W.K.
You’re Not Alone

[ Bee & El/Sony Music - 2018 ]
5.5
 
Genere: hard-rock
Tags:
 
12 marzo 2018
 

Andrew ci ricasca. Dopo il micidiale “I Get Wet” uscì “The Wolf” e smorzò non poco gli entusiasmi con il suo tiro ridondante. La voglia di party c’era ancora, il motto era sempre quello del “vivi veloce che la vita è breve“, ma erano gli ingredienti di quella festa che non ci piacevano più: era come se Andrew si fosse messo i vestiti di Elvis di fine carriera e avesse deciso di diventare piacione e gigione, smorzando quella carica esplosiva dell’esordio.

“You’re Not Alone” torna ai soliti messaggi esplicativi della filosofia di vita del nostro, chiariti più o meno bene, ma per il resto la bilancia musicale dice ancora eccessiva pienezza, null’altro.  L’attenzione della critica per il nostro Andrew sembra essersi riaccesa, ma per noi che ci aspettavamo qualcosa di asciutto, energico e dritto al punto come nel primo album o quantomeno gli spunti decisamente vari e frizzanti di “Close Calls with Brick Walls”, beh, le speranze sono disilluse.

Ridondante in tutto, dalle tastiere, ai cori, alla lunghezza dei brani, alla lunghezza della scaletta: è sempre un party (nelle apparenze e nelle intenzioni), certo, ma con quell’ostentazione e ridondanza che alla lunga stufa, anzi, da l’idea di pensionati che vogliono fare i teenager e si mettono trucco, smalto e abiti da rocker per coprire le rughe, riuscendo ad essere solo pacchiani. Poi ovvio, abbiamo a che fare con Andrew W.K. e, a dire il vero, non capiamo mai se ci fa o se ci è.
Sta di fatto che, per quanto ci stia simpatico, il disco, escludendo alcuni spunti piacevoli, è noioso, tutto qui.

Tracklist
01. The Power of Partying
02. Music Is Worth Living For
03. Ever Again
04. I Don’t Know Anything
05. The Feeling of Being Alive
06. Party Mindset
07. The Party Never Dies
08. Give Up on You
09. Keep on Going
10. In Your Darkest Moments
11. The Devil’s on Your Side
12. Break the Curse
13. Total Freedom
14. Beyond Oblivion
15. Confusion and Clarity
16. You’re Not Alone
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...