AUS DEM NICHTS (OLTRE LA NOTTE)

7.5
 
Tags:
 
di
19 marzo 2018
 

Diviso in tre parti, rischia di essere un capolavoro fino alla fine della seconda.

La prima è un dramma brutale e asciutto che colpisce lo spettatore con violenza (la camera segue pedissequamente la giornata in cui una donna, una superba Diane Kruger, perde marito e bimbo durante un attentato terroristico razzista) e quelle immediatamente successive, la seconda un courtroom drama serrato e privo di speranza, la terza una mezza tarantinata mal congegnata che, come anticipavo, costa ad Akin la realizzazione di un terzo capolavoro (per me gli altri due sono “Gegen die Wand” e “Auf der anderen Seite”).

Della Kruger che per questa interpretazione é stata premiata anche a Cannes ho giá detto, ma tutto il parco attori é favoloso. Su tutti ho adorato l’avvocato della parte civile iinterpretato da Denis Moschitto, capace di trasmettere nervosismo e dedizione a pacchi. Magari questo nome non vi dice niente, ma dovreste recuperarvi “Verschwende deine Jugend” dove interpreta superbamente e divertitamente Gabi Delgado dei D.A.F..
La colonna sonora é addirittura di Joshua Homme, che, messo il rock da parte, sulle parti piú drammatiche ha fatto un ottimo lavoro di accumulo emotivo.

Regia: Fatih Akin
Prodotto: Nurhan Sekerci, Fatih Akin, Herman Weigel
Scritto da: Fatih Akin, Hark Bohm
Cast: Diane Kruger, Denis Moschitto, Johannes Krisch, Ulrich Tukur, Samia Chancrin
Musiche: Josh Homme
 

Bohemian Rhapsody

Non sono un grande fan dei Queen, men che meno sono un grande fan dei fan dei Queen, una delle razze di fan più terribili al mondo – ...

Gioventù Bruciata

di Dario Ardias Thorre “Sai cosa ha scritto Godard su Nicholas Ray? Nicholas Ray è il cinema” Questa battuta, presente in ...

BlacKkKlansman

Applaudito da molti come l’ultimo capolavoro di un ritrovato Spike Lee, non è l’opera d’arte che si legge in giro, ma ...

Blade Runner 2049

di Dario Ardias Thorre Vedere ‘Blade Runner 2049’, senza nessuna remora per quello che rappresenta ‘Blade Runner’, ...

Nico, 1988

di Dario Ardias Thorre Di solito, tranne rarissime eccezioni, odio i biopic di qualsivoglia genere perchè ne avverto sempre l’olezzo ...