OGGI “ANTIDOTES” DEI FOALS COMPIE 10 ANNI

 
24 marzo 2018
 

C’è poco da dire, chi scrive di musica non dovrebbe farlo mettendosi nei panni di un fan, dovrebbe essere il più oggettivo possibile, ma, questa, non è per nulla una recensione ad una qualsiasi band o ad un qualsiasi album, bensì stiamo celebrando i dischi anni di vita (vissuta) di “Antidotes” l’album di debutto dei Foals, avete letto bene, debutto.

Il debutto dei Foals è stato probabilmente un fulmine a ciel sereno per molti o magari qualcosa di già preannunciato, questo non saprei dirlo e nemmeno potrei ricordarlo così bene, l’unica cosa che so che in dieci anni è stato veramente difficile trovare una band che poteva eguagliare quell’esordio mistico che altro non è stato che meraviglioso. Ogni singolo del disco potrebbe essere una sorpresa, una graditissima sorpresa, perché, innovazione, ritmi in levare, arpeggi apparentemente privi di senso si mischiano in ciò che “Antidotes” è, ovvero, una bomba.

“Hummer”, “Cassius”, “The French Open” e chissà quale altro brano entrati in classifica senza problemi, hanno rappresentato lo stile Foals per anni, quello stile che, con il tempo è diventato un vero marchio di fabbrica che, anche se non è riuscito totalmente a riprodursi negli album a venire, ha creato un mostro a tre teste capace di incenerire qualsiasi concorrente nel giro di centinaia di migliaia di chilometri. Antidotes è un album da ascoltare dall’inizio alla fine o se preferite dalla fine all’inizio, da ammirare e da capire, perché i Foals hanno dato una vera e propria svolta alla scena alternative internazionale dimostrando come si suonano certe cose e inventandosi uno stile proprio che con gli anni è riuscito a maturare senza deludere mai le aspettative.

Questo è il nostro modo di celebrare un disco del genere sperando che altre formazioni, altri artisti, riescano a dare qualcosa al mondo come i Foals hanno fatto, ovvero, sperimentando nuove “cose” senza ricalcare le vecchie glorie passate.

Data di pubblicazione: 24 marzo 2008
Registrato: Estate 2007
Tracce: 11
Lunghezza: 46:49
Etichetta: Transgressive / Sub Pop
Produttori: Foals, Dave Sitek

Tracklist
1. The French Open
2. Cassius
3. Red Socks Pugie
4. Olympic Airways
5. Electric Bloom
6. Balloons
7. Heavy Water
8. Two Steps, Twice
9. Big Big Love (Fig. 2)
10. Like Swimming
11. Tron”

 

Ernesto Razzano omaggia Ian ...

di Ernesto Razzano “La copertina di Aqualung” è forse il mio primo ricordo che ha a che fare con la musica. Da piccolo, cercavo ...

Oggi “The Ideal Crash” ...

Qualche mese fa i dEUS hanno deciso di festeggiare il ventesimo compleanno di “The Ideal Crash” con un lungo tour europeo che toccherà ...

Oggi “Seven Swans” di ...

Il 16 marzo 2004 Sufjan Stevens pubblicava il favoloso “Seven Swans”. Un album capace di narrare intricate storie sacre a suon di banjo. ...

Oggi “Cafe’ Bleu” dei The ...

Paul Weller è sempre stato attento alla moda e alle mode. Bravo a capire in che direzione stava andando il mondo della musica, decidendo ...

Oggi “13” dei Blur ...

Non avevo nemmeno 16 anni quando “13” uscì sul mercato. Ricordo nitidamente i giorni precedenti a questa pubblicazione: il ...