OGGI “ANTIDOTES” DEI FOALS COMPIE 10 ANNI

 
24 marzo 2018
 

C’è poco da dire, chi scrive di musica non dovrebbe farlo mettendosi nei panni di un fan, dovrebbe essere il più oggettivo possibile, ma, questa, non è per nulla una recensione ad una qualsiasi band o ad un qualsiasi album, bensì stiamo celebrando i dischi anni di vita (vissuta) di “Antidotes” l’album di debutto dei Foals, avete letto bene, debutto.

Il debutto dei Foals è stato probabilmente un fulmine a ciel sereno per molti o magari qualcosa di già preannunciato, questo non saprei dirlo e nemmeno potrei ricordarlo così bene, l’unica cosa che so che in dieci anni è stato veramente difficile trovare una band che poteva eguagliare quell’esordio mistico che altro non è stato che meraviglioso. Ogni singolo del disco potrebbe essere una sorpresa, una graditissima sorpresa, perché, innovazione, ritmi in levare, arpeggi apparentemente privi di senso si mischiano in ciò che “Antidotes” è, ovvero, una bomba.

“Hummer”, “Cassius”, “The French Open” e chissà quale altro brano entrati in classifica senza problemi, hanno rappresentato lo stile Foals per anni, quello stile che, con il tempo è diventato un vero marchio di fabbrica che, anche se non è riuscito totalmente a riprodursi negli album a venire, ha creato un mostro a tre teste capace di incenerire qualsiasi concorrente nel giro di centinaia di migliaia di chilometri. Antidotes è un album da ascoltare dall’inizio alla fine o se preferite dalla fine all’inizio, da ammirare e da capire, perché i Foals hanno dato una vera e propria svolta alla scena alternative internazionale dimostrando come si suonano certe cose e inventandosi uno stile proprio che con gli anni è riuscito a maturare senza deludere mai le aspettative.

Questo è il nostro modo di celebrare un disco del genere sperando che altre formazioni, altri artisti, riescano a dare qualcosa al mondo come i Foals hanno fatto, ovvero, sperimentando nuove “cose” senza ricalcare le vecchie glorie passate.

Data di pubblicazione: 24 marzo 2008
Registrato: Estate 2007
Tracce: 11
Lunghezza: 46:49
Etichetta: Transgressive / Sub Pop
Produttori: Foals, Dave Sitek

Tracklist
1. The French Open
2. Cassius
3. Red Socks Pugie
4. Olympic Airways
5. Electric Bloom
6. Balloons
7. Heavy Water
8. Two Steps, Twice
9. Big Big Love (Fig. 2)
10. Like Swimming
11. Tron”

 

Oggi “Public Image: First ...

Prima di “Metal Box”, l’album che tutti ricordano quando pensano al collettivo musicale chiamato Public Image Ltd, c’è stato ...

Oggi “Beggars Banquet” ...

“Avevamo finito la benzina”. Queste le parole con cui Keith Richard introduce il capitolo 7 della sua autobiografia ...

Oggi “Band on the Run” ...

di Luca Rigato C’è un cordone ombelicale che unisce l’ultimo lavoro di Paul McCartney “Egypt Station” allo storico ...

Oggi “Show No Mercy” ...

Gli Slayer si formano nel 1981 ad Huntington Park , sobborgo di Los Angeles quando due liceali che rispondono al nome di Jeff Hanneman e ...

Oggi “Astral Weeks” di Van ...

Non tutti gli anniversari hanno lo stesso peso. Questa è la prima considerazione che mi viene in mente riflettendo sull’album che ...