GUIGNOL
Porteremo Gli Stessi Panni

[ Atelier Sonique - 2018 ]
7.5
 
Genere: Cantautorato, Folk, Blues
Tags:
 
30 Marzo 2018
 

Possono cambiare abiti, portare gli stessi, scegliere quelli vecchi o comprarne di nuovi, ma il modo di vestire le canzoni resterà sempre originale, ricercato e diretto. I Guignol di Pier Adduce sono in continua mutazione: nati dalla fusione noise di rock e del blues maledetto, oggi solcano i terreni popolari italiani, i mari di Vinicio Capossela, del folklore italiano, se vogliamo chiamarlo così. Rocco Scotellaro, poeta e attivista lucano, segna la via con la poesia da cui prende il titolo l’album, “Porteremo gli stessi panni”, e con quelle che fanno da testo ai brani di apertura e di chiusura, rispettivamente “Padre mio” e “Pozzanghera Nera 18 aprile”. Adduce si confronta con la figura paterna nella terra natia, in Basilicata, e riapre delle vecchie ferite che dovevano essere esplorate e ricucite. Dalla Basilicata a Milano la strada è lunga: si incontrano tradizioni, modi di fare diversi che si rispecchiano nella musica dei Guignol, teatrale, rumorosa e decadente. Viene cantata la tradizione del sud, il ritorno alle radici (“Oggi dopotutto”) e la Milano inquieta, egoista e frenetica (“La Promessa”, dedicata a Luciano Bianciardi e alla promessa che fece all’operaio del marmo nel suo libro “La vita agra”).

La band nel corso degli anni ha cambiato diversi componenti, trovando ogni volta sotto la guida di Adduce stimoli nuovi e sonorità diverse.  Il contenuto principale, tuttavia, è il testo e tutto ruota intorno a questo: i brani possono essere vestiti in più modi, possono toccare più generi, più stili, ma devono esaltare il contenuto e calzarlo il meglio possibile. “Sei fratelli” vede la contrapposizione della figura assente del padre con quella sempre presente della madre, il perno della famiglia. Il sound si avvicina al folk americano, le sonorità melodiche e arpeggiate sono riconducibili all’immagine della madre e al ricordo della famiglia. “Maria Vergine” è più acre, più nervosa, più rumorosa e vede protagonista la tipicità della riservatezza di una donna del sud, molto legata alle tradizioni «Con lei che rientra svelta, piccola e accigliata, senza mai alzar la testa, assorta e riservata. Per la confidenza non c’è margine». Si sentono i cori femminili, si percepisce il caldo arido del sud e il peso delle tradizioni.

I Guignol però non perdono la vena blues, quella più intima, più cruda e la riversano tutta ne “L’orizzonte stretto”, lo stesso senso malinconico di viaggiare che si portavano dietro i bluesman degli anni Quaranta «Con l’unica frontiera, stazione del metrò del capolinea, un’ora circa a piedi, come un miraggio, finché non la vedi, finché non la vedi».

“Porteremo gli stessi panni” è la conferma dell’importante vena cantautorale di Pier Adduce, accompagnata da una musica in costante divenire, salda nelle tradizioni, ma mai vecchia. Il passato a cui si rivolgono molti dei testi risulta essere attuale: alcune cose non cambieranno mai. Sono poesie teatralizzate e musicate. Far convivere poesia, metrica e musica è un lavoro per pochi e i Guignol dimostrano ancora una volta di saperci fare.

Tracklist
1. Padre Mio
2. Diversi Opposti
3. Sei Fratelli
4. Come Maria Vergine
5. L'Orizzonte Stretto
6. 1979
7. Oggi dopotutto
8. La Promessa
9. Pozzanghera Nera 18 Aprile
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments