MARIA ANTONIETTA
Deluderti

[ La Tempesta - 2018 ]
5.5
 
Genere: indie-pop
 
5 aprile 2018
 

Le delusioni arrivano dalle aspettative, poco da fare. Lo sa bene anche Letizia Cesarini che su questo argomento ha praticamente incentrato i testi del suo nuovo album. Per fortuna in Maria Antonietta le nostre aspettative sono da sempre pari allo zero, essendo lei “ottima” esponente del ‘basso talento in musica’, quindi figurarsi se riponevamo fiducia e figurarsi se un qualche tipo di delusione potrebbe mai arrivare. Bene così.

La fanciulla arriva al terzo album e c’è sempre quella voglia di raccontarsi, di mettere in luce un suo percorso umano e di fare considerazioni agrodolci su quanto accade intorno a lei, il tutto in un contesto sonoro che non ha nulla a che vedere con lo pseudo rock “courtneyloviano” dell’esordio, ma che anzi si dimostra un pop morbido, gentile, decisamente laccato e leggero e fin troppo innocuo. D’altra parte lei stessa ammette di essere partita riot grrrl e ora si trova ad adorare Lana Del Rey, artista che di vero e talentuoso ha ben poco, se non nulla. Quindi anche in questo caso la delusione non esiste. Ho accennato sopra al contenuto dei testi. Letizia si dice ispirata ad autori decisamente importanti. Nelle sue banalità di questa nobile letteratura non c’è traccia. C’è un tentativo di fare considerazioni mature e di generare vicinanza empatica nell’ascoltatore, ma non c’è una reale capacità di andare a scavare in profondità e suscitare curiosità: il suo cantautorato, che vorrebbe essere quantomeno un po’ ricercato, si diluisce e sbiadisce senza sussulti, tra moti d’orgoglio personali, ottimismo finto arrogante, cadute d’umore e pensieri sul fatto che lei, degli altri, se ne frega. Ne prendiamo atto, ma il coinvolgimento proprio non c’è.

Nessuna delusione cara Maria Antonietta. Ci soffermiamo su qualche motivetto appena simpatico, ma per il resto passiamo oltre con discreto entusiasmo.

Tracklist
1. Deluderti
2. Cara ombra
3. Vergine
4. Pesci
5. Stomaco
6. Oceani
7. Cara
8. Abitudini
9. E invece niente
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...