UNKNOWN MORTAL ORCHESTRA
Sex & Food

[ Jagjaguwar – 2018 ]
8
 
Genere: Psych Rock
 
9 Aprile 2018
 

Tre anni dopo “Multi Love” gli Unknown Mortal Orchestra, sempre capitanati dal neozelandese Ruban Nielson, tornano con un album che nel titolo celebra le cose buone della vita. Psichedelici come era ovvio e lecito aspettarsi da una band ormai affermata, che ancora una volta cerca di non ripetere quanto fatto in passato. “Multi Love” rappresentava l’anima ottimista, divertente e pop degli UMO (pur senza arrivare agli estremi degli ultimi Tame Impala) “Sex & Food” invece mostra il lato più riflessivo della musica di Nielson e soci. Registrato tra Vietnam, Messico, Islanda, Corea Del Sud, Nuova Zelanda e Stati Uniti è un album per viaggiatori del nuovo millennio, accumulatori compulsivi di miglia aeree che non temono l’effetto devastante del jet lag.

Esplorano un po’ tutti i pianeti dell’universo psichedelico gli Unknown Mortal Orchestra, passando dalle chitarre acide e graffianti del singolo “American Guilt” allo psych soul morbido e ammiccante di “The Internet of Love (That Way)” e “Everyone Acts Crazy Nowadays” al pop così pop di “Hunnybee” impreziosito da un mirabile assolo di chitarra. E fin qui nulla di strano, l’hanno sempre fatto sin dagli esordi. In “Sex & Food” però vanno oltre, sperimentando con suoni e atmosfere molto radiofoniche.

Giocano con ritmo e melodia in “How Many Zeros” e “Not in Love We’re Just High”, imbracciano le chitarre acustiche nell’apocalittica “This Doomsday” e in “Chronos Feasts on His Children” riprendendo il discorso che avevano iniziato e poi interrotto con il “Blue Record”. Musica contagiosa, testi molto personali in cui il romanticismo è solo apparenza, un’arma affilata a doppio taglio. Questa è la ricetta fatta di contrasti di “Sex & Food”, che inizia a passo lento e si scalda minuto dopo minuto.

Se fino a qualche tempo fa gli UMO volevano soprattutto far ballare e divertire oggi chiedono di essere ascoltati, preferibilmente in cuffia per godere appieno di ballate intense come “Ministry of Alienation” o “If You’re Going to Break Yourself”, in cui Ruban Nielson affronta senza paura né vergogna un passato difficile (“When all my druggy friends go missing / You think I don’t understand anything anymore/ I miss how we used to speak secret loser language /You blocked my number just because I stayed alive”).

Sembra esserci poco spazio ormai nei dischi degli UMO per le chitarre super distorte che si avvitavano in quel crescendo un po’ pazzoide che è stato per anni il marchio di fabbrica della band, sonorità che vengono riproposte solo in “Major League Chemicals”. Il futuro di Ruban Nielson, Jake Portrait, Kody Nielson, Thomas Mabus, Ari Jalali ormai è chiaramente altrove e “Sex & Food” lo dimostra. Non vanno sul sicuro questa volta gli Unknown Mortal Orchestra: si mettono alla prova con un album non certo rivoluzionario ma sexy, ben costruito e ben suonato. Uno dei più accessibili della loro carriera.

Tracklist
1. A God Called Hubris
2. Major League Chemicals
3. Ministry of Alienation
4. Hunnybee
5. Chronos Feasts on His Children
6. American Guilt
7. The Internet of Love (That Way)
8. Everyone Acts Crazy Nowadays
9. This Doomsday
10. How Many Zeros
11. Not in Love We're Just High
12. If You're Going to Break Yourself

 
 

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...

Nic Cester – Live Across ...

Nic Cester, australiano di nascita e milanese d’adozione, ama molto l’Italia. Un affetto sincero e non di circostanza che traspare ...

Westerman – Your Hero Is Not ...

A due anni di distanza dal suo “Ark ep” del 2018, Will Westerman confeziona dodici fluttuanti tracce dalle livree dense di ...

Kidbug – Kidbug

Una storia d’amore può anche essere l’occasione per formare una band. Marina Tadic la conosciamo per il suo lavoro negli Eerie ...

Zoon – Bleached Wavves

BOOM! Che disco signori e signore. Daniel Monkman è un talento che abbiamo imparato a conoscere nel corso di questi mesi, con le prime ...