DESPERATE JOURNALIST
You Get Used To It

[ Fierce Panda - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-post-punk
 
13 aprile 2018
 

Lo stato di salute dei Desperate Journalist è davvero alto e non possiamo che esserne felici, perché ci troviamo ad esaltarci con questi nuovi 5 brani presenti sull’ EP “You Get Used To It”, naturale e prezioso seguito del pregevole “Grow Up” dell’anno scorso.

Il lirismo sonoro tracciato dalla band e quello vocale di una Jo Bevan ormai padrona assoluta del suo canto tocca nuovi vertici fin dall’apertura di “Incandescent”. Viene la pelle d’oca fin dalle prime note, come sentire i Joy Division in paradiso, non sto scherzando. Poi quando si materializza la chitarra ecco la potenza, l’intensità, forse mai controllata in modo così epico e dove prima era oscurità ecco la luce. Abbiamo la pelle d’oca. “It’s Gets Better” e “Nothing Happens” hanno quell’eleganza che ormai conosciamo benissimo nei DJ. Io sono convinto che se gli Smiths, al giorno d’oggi, fossero ancora attivi suonerebbero esattamente così.

Ispirati, suggestivi, coinvolgenti, con i ritornelli che fluiscono liberi e in modo così naturale da lasciarci senza fiato. “About You” è come se Sundays e Cranberries si trovassero per una jam e in un attimo trovassero il feeling melodico. Le due perle comunque stanno negli estremi. La già citata “Incandescent” e la conclusiva “The Bomb”, dal ritornello dolce come il miele, mentre basso e batteria preparano l’arrivo del coro e Jo ha la facoltà di volare alta con  i suoi vocalizzi nel minuto e mezzo finale del brano.

Applausi a scena aperta. Com’è possibile che i Desperate Journalist non siano mai venuti a suonare in Italia resta un mistero assoluto.

Tracklist
1. Incandescent
2. It Gets Better
3. Nothing Happens
4. About You
5. The Bomb
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...