THE SPECTORS
Ooh Aah Aah

[ Caroline Int - 2018 ]
7
 
Genere: indie-pop-shoegaze
Tags:
 
13 aprile 2018
 

Ritroviamo con piacere Marieke Hutsebaut e i suoi Spectors. Li avevamo lasciato nel 2015 con l’album “Light Stays Close”, prodotto da quel Chris Urbanowicz che i più ricorderanno per essere stato chitarrista degli Editors. Ora la band belga ritorna con una line up decisamente rinnovata, in cui praticamente spicca la sola Marieke a dare continuità con il passato.

Album piacevole questo, in cui il lavoro chitarristico della formazione strizza maggiormente l’occhio al pop, mantenendo comunque su un buon livello il tiro sonico di scuola schoegaze. Ottima la scelta dei singoli “Borderline” e “Only You”, i brani che risultano immediatamente accattivanti e dal taglio più radiofonico, anche se è giusto dire che non in tutto il disco il livello melodico si mantiene così azzeccato, pur risultando comunque ben curato (“Soul”, in particolare, sa il fatto suo!).

Più che “Be My Baby”, potente ma un po’ fine a sè stessa, apprezziamo una “Leader Of The Pack” in cui le chitarre iniziali ci paiono proprio quelle di Urbanowicz nei primi Editors, così come “Death Fugue”, salvo poi abbracciare un percorso meno oscuro.

Bentornata Marieke!

Tracklist
1. Borderline
2. When the Morning Falls
3. Only You
4. Leader of the Pack
5. Be My Baby
6. Sink
7. Death Fugue
8. Soul
9. Dorothy
10. Labyrinth of Faces
11. Clyde & Bonnie (Bonus Track)
 
 

Paul Simon – In The Blue ...

Paul Simon fa senza dubbio parte della storia della musica, e non necessita di presentazioni poiché, chiunque si sia minimamente ...

Waxahatchee – Great Thunder

E’ uno sguardo di sfida quello che lancia Katie Crutchfield dalla copertina di “Great Thunder”, un EP che arriva ad appena un anno di ...

?Alos – The Chaos Awakening

?Alos è il nome del progetto solista di Stefania Pedretti, musicista e performer sperimentale nota soprattutto per le ottime cose fatte ...

Dilly Dally – Heaven

Sarà davvero valido il motto della cara Belinda Carlisle, che a suo tempo ci invitava a credere “Heaven is a place on earth”? ...

Paul McCartney – Egypt ...

Basta leggere il nome sulla copertina per inginocchiarsi e chiedere umilmente perdono per i propri peccati ! Rialzati ? ...