EELS
The Deconstruction

[ Ework - 2018 ]
5.5
 
Genere: Indie rock
Tags:
 
16 aprile 2018
 

Il signor Mark Oliver Everett ha scritto con i suoi Eels pagine importanti della musica indipendente americana a cavallo tra la seconda metà degli anni novanta e la prima degli anni zero, questo almeno fino al monumentale doppio album “Blinking lights and other revelations”, dopodiché le anguille hanno un po’ tirato le code in barca, infilando tutta una serie di dischi molto buoni, ma che in definitiva nulla aggiungevano a quanto ascoltato nei primi fondamentali sei album.
Mr E ha ancora qualcosa da dire oggi? Sì, se dalla formula fin qui proposta non si pretende più di quanto ascoltato nel corso della trentennale carriera del musicista nativo della Virginia, no invece se si crede che gli Eels abbiano già dato, e che sia quasi impossibile bissare titoli che hanno segnato un decennio come “Beautiful Freak”, “Electro-shock blues” e “Daisies of the galaxy”.
Chi vi scrive propende per la seconda tesi, non trovando in queste quindici nove tracce grossi motivi di interesse. Tuttavia il talento quando uno ce l’ha riesce a farlo trasparire anche nelle prove meno convincenti, e allora dopo un inizio con i fiocchi con la programmatica titletrack e una “Bone dry” accompagnata da un divertentissimo video con tanto di scheletrini ballerini, ecco comparire (dopo alcuni momenti non proprio memorabili) qualche gemma lucente in mezze a tanti zirconi; una “Day is the day” che non sfigurerebbe all’interno della scaletta di “Daisies of the galaxy”, una sentita ed accorata “Be hurt”, fino al grezzo rock’n’roll di una “You are the shining light” che con il suo scatenato handclapping porta stampato su di sé il classico marchio di fabbrica di tanti brani vincenti del passato.
Qual è sostanzialmente il problema di “The Deconstruction”? Uno solo, che il tempo passa per tutti e che la creatività è naturale che vada lentamente scemando. Forse sarebbe stato meglio per gli Eels centellinare le uscite nel corso degli ultimi anni, per poi raccogliere tutto il meglio della propria produzione in al massimo due o tre dischi, ma credo che da quell’orecchio il vulcanico Mister Everett  non ci voglia proprio sentire.

Tracklist
1. The Deconstruction
2. Bone Dry
3. The Quandary
4. Premonition
5. Rusty Pipes
6. The Epiphany
7. Today Is the Day
8. Sweet Scorched Earth
9. Coming Back
10.Be Hurt
11.You Are the Shining Light
12.There I Said It
13.Archie Goodnight
14.The Unanswerable
15.In Our Cathedral
 
 

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...

Simon Love – Sincerely, S. ...

Piacevole e scorrevole secondo album per il buon Simon Love, che esordiva nel 2015 con “It Seemed Like A Good Idea At The Time” ...

The National – Boxer Live in ...

Gli album dal vivo non sono tutti uguali. Alcuni servono a cristallizzare un momento importante, altri hanno la funzione di riportare ...

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...