KING TUFF
The Other

[ Sub Pop – 2018 ]
7
 
Genere: Psych pop
 
23 aprile 2018
 

Grandi cambiamenti per Kyle Thomas, l’eclettico e avventuroso musicista che si nasconde dietro il nome King Tuff. Una decina d’anni dopo un inizio fulminante e incasinato (con la doppietta “Mindblow” / “Was Dead” ormai pezzi da collezione) e gli album successivi, che riproponevano una sana e contagiosa miscela di garage rock e power / indie pop, il rumore folle e distorto non basta più al ragazzo del Vermont. “The Other” è il disco in cui cade la maschera di King Tuff e vediamo le vere sembianze di Kyle Thomas. Il re è musicalmente nudo stavolta, libero da quella che era forse diventata una gabbia e non solo un buffo alter ego, senza dover per forza rispettare o copiare quanto fatto fin qui.

Via le chitarre distorte, via il suono a bassa fedeltà che l’ha reso famoso. Nel garage questa volta si parcheggia la macchina (magari proprio quella Subaru blu del 1982 che fa bella mostra di se nella title track) poi Kyle Thomas sale le scale ed entra nei The Pine Room, lo studio di registrazione casalingo in cui “The Other” è nato. Autoprodotto, come lo era stato “Was Dead” e proprio come allora Mr. Thomas ha suonato tutti gli strumenti tranne batteria (affidata ancora una volta all’amico Ty Segall) e sassofono (di cui si è occupato Mikal Cronin). Cerca l’altro se stesso King Tuff e lo trova in un suono più pulito, raffinato pop rock psichedelico che a tratti ricorda Dent May e deve qualcosa anche ai Beach Boys.

E’ un Kyle Thomas decisamente più serio e forse anche più maturo quello che ritroviamo nel falsetto acido di “Raindrop Blue” e nelle armonie di “Thru the Cracks” create con l’aiuto di Jenny Lewis e Greta Morgan (Springtime Carnivore) ai backing vocals. Capace di giocare con gli arrangiamenti nell’intensa “Psycho Star”, con una gran linea di basso e un ritmo scanzonato che è la fotografia in note della psichedelia west coast (che Thomas conosce bene visto che da anni vive a Los Angeles). Spiccano tra le altre il blues movimentato di “Infinite Mile”, il rock garbato di “Circuits in the Sand” e una “Birds of Paradise” trascinata dal sassofono di Cronin.

La palma di migliore in campo spetta però a “Ultraviolet”, che fa da trait d’union tra il King Tuff di ieri e quello di oggi. Quando un artista cambia stile in modo così netto rischia grosso e Kyle Thomas lo sapeva bene. Ha lasciato che le canzoni lo trasportassero dove volevano senza porre limiti alla provvidenza musicale e alla fine la scommessa la vince. “The Other” è sicuramente diverso rispetto al passato ma non sfigura se messo accanto a “Black Moon Spell” o “King Tuff”. Non è più il party animal che era Mr. Kyle Thomas ma non per questo ha venduto l’anima al diavolo. Stravagante come sempre.

Tracklist
1. The Other
2. Raindrop Blue
3. Thru the Cracks
4. Psycho Star
5. Infinite Mile
6. Birds of Paradise
7. Circuits in the Sand
8. Ultraviolet
9. Neverending Sunshine
10. No Man's Land

 
 

Maggie Rogers – Heard It in a ...

No, “Heard It in a Past Life” non è il primo album di Maggie Rogers. È, tuttavia, il primo a non essere concepito e registrato in un ...

Gianni Maroccolo – Alone ...

Gianni Maroccolo fa parte di una generazione tra le più intraprendenti, musicalmente, in Italia. La sua biografia parla da sé, dai Litfiba ...

Officine Bukowski – Il primo ...

E’ strano. E’ strano come “Il primo giorno d’inverno” possa portare con sé la freschezza di un temporale ...

The Twilight Sad – It Won/t ...

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla ...

Toro Y Moi – Outer Space

Quando si arriva al sesto album è necessario rischiare e avventurarsi in generi non ancora esplorati o è meglio rimanere nell’ormai ...