MèSA
Touché

[ Bomba Dischi - 2018 ]
7
 
Genere: songwriting
 
23 aprile 2018
 

Si chiama “Touchè” il primo album dell’artista romana emergente Mèsa, uscito lo scorso 2 marzo. L’album contiene undici canzoni che suonano il ritmo e scandiscono i tempi di quello che sembra, ed effettivamente è, un incontro di scherma.

Infatti il titolo indica, nel gergo della scherma, l’esser toccata dopo una stoccata dell’avversario. Ma nelle canzoni, quando manca l’avversario è l’artista stessa ad osservarsi, a prendersi dei minuti, studiare le mosse, e notare, quasi come fosse estranea a se stessa, i problemi, gli intoppi, che la vita ci mette davanti.

Un incontro di scherma che vive momenti di studio dell’avversario, di fiato corto, pause e stoccate, tutto per poter finalmente gridare “Touchè !”. Un grido liberatorio, che finalmente porta l’artista a toccare e allo stesso abbandonare, amori falliti, ansie, e aspettative mancate, per poter vedere oltre e chiudere l’incontro è passare, magari, ad un altro avversario.
Ma c’è da dire che quando Mèsa, sposta lo sguardo dall’avversario per puntarlo su stessa, quando abbandona la spada e volta le spalle al suo avversario da il meglio sè, i ritmi sono accesi ed intensi e quasi si riesce a percepire tra le parole odor di aria fresca.

Che altro dire, Mèsa è ha tirato fuori un album fresco, giovane, dove i ritmi si alzano e si abbassano, si riflette e si balla, si stocca e si para, tutto su una base musicale quasi sempre perfetta, dove la voce limpida dell’artista ti permette di volare e planare su testi ben equilibrati.

L’unica pecca è che manca all’artista un po’ di quella romanità che ci si potrebbe e dovrebbe aspettare dalle sue radici.

Tracklist
1. Non me lo ricordavo
2. Lividi a Pois
3. A chi
4. Le metamorfosi dell'aria
5. La colpa
6. Un esercito orizzontale
7. Il mare tra il dire e il fare
8. Canzone retorica
9. Morto a galla
10. Tutto
11. Oceanoletto
 
 

The Coral – Move Through The ...

James Skelly e compagnia (tra cui, ricordiamolo, il fratello Ian alla batteria) tornano due anni dopo “Distance Inbetween”. ...

Deaf Wish – Lithium Zion

Magari non sarà più in vista come ai tempi d’oro del grunge, ma la Sub Pop è ancora da considerarsi a tutti gli effetti ...

Hibou – Something Familiar

Ex batterista di Craft Spells, Peter Michel – questo il nome del ventiquattrenne musicista di Seattle che si nasconde dietro al moniker di ...

Olden Yolk – Olden Yolk

Nati nel 2012, gli Olden Yolk sono Shane Butler dei Quilt e la multistrumentalista Caity Shaffer: dopo aver realizzato uno split EP insieme ...

Mitski – Be The Cowboy

I fell in love with a war Nobody told me it ended Mitski – A Pearl Mitski Miyawaki (o più semplicemente Mitski, nome di battesimo ...