A PLACE TO BURY STRANGERS
Pinned

[ Dead Oceans - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-rock, noise
 
9 Maggio 2018
 

Squadra che vince…si cambia…e si vince ancora! Gli A Place To Bury Strangers mettono in formazione Lia Simone Braswell (tranquilli, Olivier Ackerman e Dion Lunadon sono sempre li) e trovano, dalla fanciulla, non solo una solida batterista che sa metterci del suo, ma anche una pregevole vocalist che arriva a dare un prezioso contributo, sia al contro canto sia in una veste da protagonista. Messa a posto la formazione ecco che “Pinned” va a parare comunque in territori conosciuti da chi bazzica la band, ma la cosa che sempre più appare lampante è che, al netto di tutte le influenze, più o meno rimarcabili e citabili, sempre di più gli APTB stanno sviluppando il loro sound, il loro marchio di fabbrica, a tal punto che loro stessi, ormai, possono e devono diventare termine di paragone per molte altre band che si avventurano nel genere post-punk, noise, shoegaze.

Il santino ideale di Ian Curtis che abbraccia Trent Reznor è sempre nella tasca dei pantaloni dei nostri, che sanno essere freddamente e algidamente wave e post-punk tanto quanto sonicamente shoegaze, con i battiti di basso e batteria che ci si piantano in testa e le chitarre che, quando serve, vanno in distorsione, saturando l’aria. La presenza di qualche melodia decisamente interessante non inganni, la band non cerca la luce, anzi, si crogiola nella sua cupezza e nei suoni secchi e taglienti che seccano l’erba circostante. Piace anche la compattezza e il minutaggio ridotto di alcuni brani (anche se i 5 minuti del devastante crescendo di “Never Coming Back” sono veramente d’antologia nel genere) che vanno davvero dritti al sodo, non dandoci nemmeno il tempo (quasi) di gustarceli in pieno se, per caso, la nostra attenzione fosse rivolta a bramare un ipotetico raggio di sole: non si scappa al nichilismo, ma anzi, testa bassa a scontare la nostra catartica pena!

 

Tracklist
1. Never Coming Back
2. Execution
3. There’s Only One Of Us
4. Situation Changes
5. Too Tough To Kill
6. Frustrated Operator
7. Look Me In The Eye
8. Was It Electric
9. I Know I’ve Done Bad Things
10. Act Your Age
11. Attitude
12. Keep Moving On
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente Shepherd In A Sheepskin Vest che aveva sancito il grande ritorno del ...