A PLACE TO BURY STRANGERS
Pinned

[ Dead Oceans - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-rock, noise
 
9 Maggio 2018
 

Squadra che vince…si cambia…e si vince ancora! Gli A Place To Bury Strangers mettono in formazione Lia Simone Braswell (tranquilli, Olivier Ackerman e Dion Lunadon sono sempre li) e trovano, dalla fanciulla, non solo una solida batterista che sa metterci del suo, ma anche una pregevole vocalist che arriva a dare un prezioso contributo, sia al contro canto sia in una veste da protagonista. Messa a posto la formazione ecco che “Pinned” va a parare comunque in territori conosciuti da chi bazzica la band, ma la cosa che sempre più appare lampante è che, al netto di tutte le influenze, più o meno rimarcabili e citabili, sempre di più gli APTB stanno sviluppando il loro sound, il loro marchio di fabbrica, a tal punto che loro stessi, ormai, possono e devono diventare termine di paragone per molte altre band che si avventurano nel genere post-punk, noise, shoegaze.

Il santino ideale di Ian Curtis che abbraccia Trent Reznor è sempre nella tasca dei pantaloni dei nostri, che sanno essere freddamente e algidamente wave e post-punk tanto quanto sonicamente shoegaze, con i battiti di basso e batteria che ci si piantano in testa e le chitarre che, quando serve, vanno in distorsione, saturando l’aria. La presenza di qualche melodia decisamente interessante non inganni, la band non cerca la luce, anzi, si crogiola nella sua cupezza e nei suoni secchi e taglienti che seccano l’erba circostante. Piace anche la compattezza e il minutaggio ridotto di alcuni brani (anche se i 5 minuti del devastante crescendo di “Never Coming Back” sono veramente d’antologia nel genere) che vanno davvero dritti al sodo, non dandoci nemmeno il tempo (quasi) di gustarceli in pieno se, per caso, la nostra attenzione fosse rivolta a bramare un ipotetico raggio di sole: non si scappa al nichilismo, ma anzi, testa bassa a scontare la nostra catartica pena!

 

Tracklist
1. Never Coming Back
2. Execution
3. There’s Only One Of Us
4. Situation Changes
5. Too Tough To Kill
6. Frustrated Operator
7. Look Me In The Eye
8. Was It Electric
9. I Know I’ve Done Bad Things
10. Act Your Age
11. Attitude
12. Keep Moving On
 
 

La Roux – Supervision

Terzo album per Elly Jackson, che dopo l’enorme successo dell’esordio “La Roux” dieci anni fa ha dovuto affrontare enormi ...

Wire – Mind Hive

E siamo a 17. La band di Colin Newman, Graham Lewis, Robert Grey e Matthew Simms conosciuta da oltre quarantanni con il nome di Wire ...

TUM – Take Off and Landing

di Beatrice Bianchi Se sull’aereo durante un volo intercontinentale dalla Lapponia all’India vi capitasse di ritrovarvi seduti di fianco ...

Polica – When We Stay Alive

Cosa succede quando si resta vivi nonostante tutto? Se lo chiede Channy Leaneagh, energica frontwoman dei Poliça in un album nato prima, ...

En Attendant Ana – Julliet

“C’era un lungo capello nella sua minestra. Subito lo tirò via, fermamente deciso a cercare il resto di quella donna.” ...