MELVINS
Pinkus Abortion Technician

[ Ipecac Recordings – 2018 ]
6
 
Genere: Alternative Rock, Southern Rock
 
14 Maggio 2018
 

Oramai si sa che i Melvins, la maggior parte delle volte,  sfornano un album all’anno: alcuni sono davvero dei buoni lavori, come ad esempio “Hold It In”, altri sgradevoli, come “Pinkus Abortion Technician” di cui oggi parlerò.

Forse è esagerato dire sgradevole, è vero, però non è neanche “sto granché” rispetto a molti altri album fatti da loro. Lavoro che vede la presenza di quel Pinkus che nei Butthole Surfers suonava il basso (ecco che già il titolo ci appare più chiaro). Già la prima traccia non mi convince: “Moving to Florida”, è la cover proprio dei BS (mentori, bene o male, di questo album) ma non riesce ancora ad attirare la mia attenzione in pieno. Un altro brano che non ho apprezzato è “Don’t Forget to Breathe”, troppo lunga e ripetitiva. Ecco, al di là di follie e passaggi deliranti che ogni tanto fanno capolino, la ripetitività la si può trovare in tutta l’opera e ed è la cosa peggiore che un album possa offrire.

Una delle poche canzoni che ho apprezzato è sicuramente “Flamboyant Duck” , in cui si cambia un po’ registro. Una cosa che odio con tutto il cuore sono le cover negli album, è un problema mio, lo so, ma non posso farci nulla. Sta di fatto che qui ce ne sono ben tre, “Moving To Florida” e “Graveyard” dei Butthole Surfer, e questi sono veri e propri tributi, ok, ma c’è perfino una canzone dei Beatles, ovvero “I Want To Hold Your Hand”, probabilmente sono io che mi faccio problemi inutili, ma qual’e l’utilità di ciò? Qui sembra proprio che lo abbiano fatto per riempire un buco, nulla di più.

Per il resto questo album non mi ha soddisfatto molto. Certo i nostri lavorano sodo sul ritmo, ok, ma, ripeto, sperimentazione e cambi di registro, pur non mancando, non mi paiono tali da uscire da un circolo di ripetitività che coinvolge il disco: stavolta la scintilla giusta si accende solo raramente.

Tracklist
1. Stop Moving to Florida
2. Embrance the Rub
3. Don't Forget to Breathe
4. Flamboyant Dunk
5. Break Bread
6. I Want To Hold Your Hand
7. Prenup Butter
8. Graveyard
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments