A BEAUTIFUL DAY (YOU WERE NEVER REALLY HERE)

 
 
di
16 maggio 2018
 

E’ un film non privo di difetti. Il più grande dei quali è una diegesi piuttosto confusionaria. Ramsey – che il film lo ha anche scritto – mescola le fantasie ossessive del protagonista, i suoi ricordi e le sue allucinazioni alla trama, senza soluzione di continuità, e l’espediente, che per certi versi risulta molto affascinante, inficia la scorrevolezza del film.
Rimane comunque un film da vedere assolutamente. Un noir plumbeo e pesante come il corpo del suo protagonista, un Joaquin Phoenix ferino e disperato giusto in mezzo a Lèon e Travis Bickle – insomma, l’ex militare disadattato da chiamare se hai da risolvere una situazione tremenda e la legge non ti basta.

Fotografia e musica – ennesima gran bella prova di Greenwood – sono altamente sintetiche, oscure e occlusive e lavorano in combutta per fare di “You Were Never Really Here” un’esperienza sensoriale claustrofobica e coinvolgente.

Due premi alla scorsa edizione di Cannes: miglior sceneggiatura – dissento assolutamente – e miglior attore protagonista – concordo assolutamente -.

Paese di produzione: Regno Unito
Anno: 2017
Durata: 95 min
Genere: drammatico, thriller
Regia: Lynne Ramsay
Soggetto: dal libro di Jonathan Ames
Sceneggiatura: Lynne Ramsay
Produttore: Rosa Attab, Pascal Caucheteux, Lynne Ramsay, James Wilson
Casa di produzione: Film4, Why Not Productions
Distribuzione (Italia): Europictures
Fotografia: Thomas Townend
Musiche: Jonny Greenwood

Interpreti e personaggi
Joaquin Phoenix: Joe
John Doman: John McClean
Judith Roberts: madre di Joe
Alex Manette: Senatore Votto
Ekaterina Samsonov: Nina Votto
Alessandro Nivola: Senatore Williams

 

Sulla Mia Pelle

“Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini non mostra il pestaggio di Stefano Cucchi ad opera delle forze dei carabinieri di Roma. ...

Ant-Man and the Wasp

Il Marvel Cinematic Universe continua a espandersi. Non soltanto dal punto di vista dei nuovi personaggi che vengono introdotti di film in ...

Ostili (Hostiles)

Western credibili ai giorni nostri sono merce molto rara. Non manchevole di qualche difetto e forzatura, “Hostiles” fa, senza ...

Ghost Stories

“Ghost Stories” è un discreto horror che sprizza inglesità da ogni poro – a tal proposito andrebbe vietato di guardarlo ...

Un Posto Tranquillo (A Quiet Place)

“A Quiet Place” non è poi tutto questo gran bel posto e, soprattutto, non é poi cosí quiet. E’ infatti un futuro ...