HOP ALONG
Bark your Head Off, Dog.

[ Saddle Creek - 2018 ]
8
 
Genere: Alt-rock, indie-rock
 
16 maggio 2018
 

Se dovessimo paragonare quest’album ad una particolare stagione dell’anno non avremmo dubbi: l’autunno. Gli svariati colori delle foglie, la fresca brezza in una splendida giornata di sole, lo scorrere di bianche e corpose nuvole in un cielo limpido e azzurro.

Sono passati tre anni dal sophomore “Painted Shut” che aveva riscosso un ottimo successo e la band di Frances Quinlan non ha deluso le attese per
questo nuovo lavoro che, diciamolo subito, va ascoltato per coglierne ogni singola sfumatura. “Bark your Head Off, Dog” è una raccolta di
piccoli capolavori dove – c’è ancora da sorprendersi? – la voce di Frances la fa da protagonista.

E’ doveroso sottolineare l’eccelente lavoro degli altri componenti della band che hanno saputo arrangiare i pezzi con suoni ed armonie degni delle superbe capacità della ragazza di Philadelphia, che – è bene riocordarlo -, scrive sia i testi che la musica.

Ascoltando “What the Writer Meant” ci si perde tra strofe, ritornelli e ponti, non abbiamo punti di riferimento, dall’intro di chitarra che invita la batteria di Mark (fratello di Frances) a dare il giusto ritmo fino a quel “God is the one who changed” che s’inserisce nel brano quasi provenisse da un’altra dimensione sonora a dare quel tocco d’imprevidibilità che è la caratteristica della scrittura della Quinlan. Appoggiamo quindi ( anche metaforicamente ) la puntina su “Not Abel”. Arrangiata stupendamente con archi ed arpe ad accompagnare Frances che in meno di cinque minuti ci mostra come la sua voce sia uno degli strumenti più completi ed eclettici in circolazione. La seconda parte della canzone si trasforma in una perla power-pop dove chitarre e voce cambiano drasticamente  il senso della canzone, davvero geniale.

Ogni brano è una storia a se, spesso i testi sono criptici ma ognuno di noi può trovarci frasi e parole che colpiscono, come quel ” …non preoccuparti, entrambi lo scopriremo, ma non insieme”  nell’ open track “How Simple”, canticchiato quasi allegramente, ma quanta sofferenza si nasconde dietro quelle parole!
E che dire di quel “One That Suits Me “, un pop mieloso, gioioso, poi malinconico ed arrabbiato, alla fine del brano ci pare di aver ascoltato tre pezzi diversi e devi riascoltarlo più volte per capirne dinamica e sviluppo.

Canzoni che attecchiscono ascolto dopo ascolto, non perdetevi l’occasione di conoscere questo LP,  sarete attraversati da magiche e fatate vibrazioni, cos’altro di meglio possiamo desiderare?

Tracklist
1. How Simple
2. Somewhere A Judge
3. How You Got Your Limp
4. Not Abel
5. The Fox In Motion
6. One That Suits Me
7. What The Writer Meant
8. Look Of Love
9. Prior Things
 
 

The Coral – Move Through The ...

James Skelly e compagnia (tra cui, ricordiamolo, il fratello Ian alla batteria) tornano due anni dopo “Distance Inbetween”. ...

Deaf Wish – Lithium Zion

Magari non sarà più in vista come ai tempi d’oro del grunge, ma la Sub Pop è ancora da considerarsi a tutti gli effetti ...

Hibou – Something Familiar

Ex batterista di Craft Spells, Peter Michel – questo il nome del ventiquattrenne musicista di Seattle che si nasconde dietro al moniker di ...

Olden Yolk – Olden Yolk

Nati nel 2012, gli Olden Yolk sono Shane Butler dei Quilt e la multistrumentalista Caity Shaffer: dopo aver realizzato uno split EP insieme ...

Mitski – Be The Cowboy

I fell in love with a war Nobody told me it ended Mitski – A Pearl Mitski Miyawaki (o più semplicemente Mitski, nome di battesimo ...