ALEXIS TAYLOR
Beautiful Things

[ Domino - 2018 ]
6.5
 
Genere: Elettronica
 
18 maggio 2018
 

Alexis Taylor torna con un nuovo lavoro da solista , il cantante e leader degli Hot Chip a distanza di due anni dal precedente e non entusiasmante album “Piano” ci riprova con “Beautiful Things”, prodotto da Tim Goldsworth, che vanta collaborazioni importanti quali LCD Soundsystem, The Rapture , Massive Attack.
Anche se la scelta di farsi produrre da Tim Goldsworth e i singoli che avevano anticipato l’uscita del disco “Beautiful Thing”  e “Oh Baby” potevano far pensare ad una avvicinamento del sound di Alexis Taylor a quello degli Hot Chip, in realtà il resto dei brani ci restituiscono le atmosfere malinconiche , a tratti cupe, che sembrano essere la dimensione di Taylor .

“Beautiful Thing” dimostra senza dubbio le capacità di songwriter di Alexis Taylor, la produzione e’ ottima, il sound e’ pulito e ricercato ma nonostante questo l’album non decolla e non si va oltre un piacevole ascolto , un lavoro che non affascinerà più di tanto gli estimatori degli Hot Chip e che non ha la forza o l’originalità per essere il punto di inizio di una carriera solista.

L’album si apre con “Dreaming Another Life” dall’andamento quasi ipnotico e prosegue con la title track forse il pezzo più vicino agli Hot Chip. A mio avviso è da segnalare “Deep Cut” che nella sua semplicità distribuisce malinconia e dolcezza , mentre il momento peggiore del disco e’ rappresentato da “Oh Baby” , brano nel complesso imbarazzante per musica e testo (“Oh baby when I see your smile it breaks the heart of this little child”) , e da “Out of Time”, sperimentale ma non coinvolgente e che forse riassume in modo preciso il tenore di tutto l’album.

Senza dubbio Alexis Taylor è un grande talento e ci propone un lavoro nel complesso ben confezionato e ben prodotto, ma che nonostante questo, non lascia il segno .

 

Tracklist
1. Dreaming Another Life
2. Beautiful Thing
3. Deep Cut
4. Roll on Blank Tapes
5. Suspicious of Me
6. A Hit Song
7. Oh Baby
8. There’s Nothing To Hide
9. I Feel You
10. Out of Time
 
 

Gianni Maroccolo – Alone ...

Gianni Maroccolo fa parte di una generazione tra le più intraprendenti, musicalmente, in Italia. La sua biografia parla da sé, dai Litfiba ...

Officine Bukowski – Il primo ...

E’ strano. E’ strano come “Il primo giorno d’inverno” possa portare con sé la freschezza di un temporale ...

The Twilight Sad – It Won/t ...

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla ...

Toro Y Moi – Outer Space

Quando si arriva al sesto album è necessario rischiare e avventurarsi in generi non ancora esplorati o è meglio rimanere nell’ormai ...

John Garcia – John Garcia and ...

La notizia di un nuovo album a firma John Garcia dovrebbe far fare i salti di gioia a qualsiasi appassionato di stoner rock che si rispetti. ...