ILLUMINATI HOTTIES
Kiss Yr Frenemies

[ Tiny Engines - 2018 ]
8
 
Genere: indie-pop-rock
 
25 maggio 2018
 

Si è già data una definizione più che calzante la deliziosa Sarah Tudzin, ovvero ‘tenderpunk‘. Partendo da questa parola noi siamo già innamorati. Se poi sentiamo il suo dischetto, beh, questa giovane fanciulla di Los Angeles diventerà immediatamente la nostra eroina, magari solo per qualche giorno, ma lo diventerà sicuramente. Volete un consiglio? Invece che perdere tempo ad ascoltare mille volte quel poco felice album degli AM (per cercare di farselo piacere a tutti i costi), date respiro alle vostre orecchie, passando alla freschezza da colpo di fulmine di Sarah…fatevi del bene.

Sarah parla della sua quotidianità, quella di tutti a dire il vero, tra giornate su e altre da dimenticare, tra slanci di speranza e sfighe in agguato, con la giusta dose di autoironia. Amori veri e improbabili, cuori che si spezzano e si ricompongono, delusioni che portano a chiudersi e scelte che sembravano giuste e invece erano sbagliate. Il trasporto con cui lo dice è quello della nostra migliore amica, che ci ha chiesto una mezz’oretta per starla ad ascoltare e noi non possiamo dirle di no, anche perché quello che ci sta raccontando ha un trasporto e una presa che ci pare di stare in un film di John Hughes. Sarah mette in mostra i suoi giorni, quelli con il sole che picchia e la vitalità impazza, in delizie power-pop che chiamano anche coretti anni ’60 (“Shape Of My Hands”, “You’re Better Than Ever” dal gusto surf-pop, “Pressed 2 Death” e soprattutto la travolgente “Paying Off The Happiness”) ma anche le sue notti, quelle in cui c’è solo voglia di intimismo, toni bassi e fragilità (“The Rules”, “Declutter” e “Cuff”).

Applausi a oltranza per quella meraviglia che risponde al nome di “For Cheez (My Friend, Not The Food)”, ballata toccante e in punta di piedi che piano-piano cresce fino all’esplosione sonica del finale, in cui emerger una magnifica e suggestiva tromba. Poco da fare, io con queste cose vado in estasi.

Niente di nuovo sotto il sole. Gli ingredienti sono chiarissimi e già usati più e più volte, ma le manine sante di Sarah compiono un autentico miracolo nel mescolare il tutto con una grazia e un coinvolgimento che ci rapisce al volo!

 

 

Tracklist
1. Kiss Yr Frenemies
2. (You're Better) Than Ever
3. Shape Of My Hands
4. Cuff
5. For Cheez (My Friend, Not The Food)
6. Paying Off The Happiness
7. Patience
8. The Rules
9. boi
10. Pressed 2 Death
11. Declutter
 
 

Gruff Rhys – Babelsberg

Molti conosceranno Gruff Rhys come voce e chitarra dei Super Furry Animals, collettivo gallese capace di qualunque pazzia che dall’ormai ...

Lump – Lump

Chi vi scrive adora le chitarre e le melodie immediate, ma, lasciatemelo dire, di fronte a simili delizie mesmeriche e suggestive non si ...

Chvrches – Love is Dead

Nonostante il titolo possa far pensare ad un album incentrato sulla fine struggente di un amore, “Love is Dead”, terzo album in ...

Twin Shadow – Caer

Partiamo subito dalle conclusioni: quanto avevo apprezzato il synth-pop anni 80 di “Confess” e quanto invece trovo non del tutto ...

Barbarisms – West in the Head

Il titolo del nuovo lavoro dei Barbarisms, “West in the Head” prende spunto da un saggio dello scrittore William H. ...